Fotovoltaico

Scopri cosa pensa la community:
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

Fotovoltaico: la guida di SuperMoney

L'impianto fotovoltaico: cos'è e come funziona

Confrontare le tariffe di energia elettrica permette ai consumatori di risparmiare notevolmente in bolletta. Se oltre a risparmiare si vuole anche contribuire in prima persona alla tutela dell’ambiente, installare un impianto fotovoltaico ci permetterà di produrre autonomamente l’energia pulita di cui abbiamo bisogno.

Il fotovoltaico è un impianto elettrico formato da moduli che riescono a trasformare l'energia solare in energia elettrica, sfruttando le proprietà di metalli semiconduttori come il silicio. È proprio questa capacità produttiva che differenzia un impianto fotovoltaico dai semplici pannelli solari, che possono produrre solamente acqua calda.

La maggior parte degli impianti fotovoltaici installati presso le abitazioni private appartiene alla tipologia “grid-connect”, cioè sono strutture connesse alla rete elettrica (nella fattispecie, quella di distribuzione a corrente alternata). Queste strutture possono reimmettere nella rete l'energia prodotta, dopo aver soddisfatto il fabbisogno energetico dell'edificio sul quale sono posizionate.

I vantaggi del fotovoltaico

L'installazione di un impianto fotovoltaico è in generale un investimento particolarmente conveniente, anche se inizialmente oneroso. Si rivela molto adatto, ovviamente, se l'esposizione ai raggi solari non è ostacolata da altri elementi (troppi palazzi intorno, ad esempio) e se è prolungata durante l'anno.

L'impianto fotovoltaico della giusta dimensione garantisce il fabbisogno energetico dell'edificio su cui è montato. Tutta l'elettricità in più viene immessa nuovamente nella rete nazionale e rivenduta. Il vantaggio è quindi duplice: si azzera la propria bolletta e si guadagna grazie alla trasformazione in produttori di energia.

Conto Energia: gli incentivi GSE per il fotovoltaico

Negli ultimi anni il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha attivato una linea di incentivi, chiamata Conto Energia, per favorire la diffusione degli impianti di energia rinnovabile. I bonus previsti sono erogati sotto forma di tariffe vantaggiose, con le quali il GSE paga i produttori per l'energia reintrodotta in rete. Considerando che la vita media di un impianto fotovoltaico è di circa 25 anni, grazie alle tariffe incentivanti si può recuperare abbastanza rapidamente l'investimento. Per accedere al Conto Energia bisogna iscriversi a un apposito registro: tutte le regole e i criteri per l'ammissione delle domande sono pubblicati sul sito del GSE.

I finanziamenti per il fotovoltaico

È possibile sostenere le spese per l'installazione di un impianto anche in assenza di liquidità, ricorrendo a uno dei numerosi prestiti per il fotovoltaico messi a disposizione dalle banche per questo scopo. Si tratta di finanziamenti agevolati a tasso fisso o variabile che, in alcuni casi, arrivano anche a coprire l'intero costo dell'intervento.

Le condizioni alle quali vengono concessi i prestiti variano a seconda che la domanda arrivi da un privato o da un'azienda. Ovviamente, è necessario disporre delle normali garanzie richieste a fronte dell'erogazione di un finanziamento. È possibile, inoltre, abbinare al prestito una polizza assicurativa che tuteli l'istituto finanziario dal rischio di insolvenza.

Questi finanziamenti sono finalizzati anche alla realizzazione di altri interventi improntati al risparmio energetico e alla tutela ambientale, come ad esempio i pannelli solari, gli impianti geotermici, quelli eolici e quelli a biomasse.

Leggi tutti i commenti