Tariffe Luce e Gas: compara le migliori offerte di energia del libero mercato

Come difendersi dalle truffe sui contratti energia

Scopri cosa pensa la community:
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

I consumatori che vogliono risparmiare sulle tariffe di energia sono sempre alla ricerca delle offerte più convenienti, ma purtroppo le truffe riguardanti la vendita di contratti sono sempre più frequenti. I truffatori offrono spesso prezzi super vantaggiosi che in realtà si dimostrano poi delle vere e proprie trappole per fare soldi a discapito dei consumatori. Scopriamo quindi come difendersi dalle truffe sui contratti di luce e gas.

Come avviene la truffa

Tra le modalità più adottate dai truffatori spesso c’è un falso addetto alle vendite che si presenta alla porta di casa dei consumatori. Diffidatene per principio: le maggiori aziende fornitrici di energia, infatti, non adottano questa modalità di vendita. 

Un altro stratagemma è quello di far credere al malcapitato che la compagnia di cui è cliente sta per fallire o ancora peggio sta per aumentare notevolmente le tariffe per la fornitura di luce e gas.

Ancora, alcune truffe sui contratti dell'energia sfruttano firme false sui documenti, o dati anagrafici rubati (anche a persone decedute), di cui il consumatore è completamente ignaro. 

Come difendersi dalle truffe

Per prima cosa, qualora si presenti a casa un ipotetico rappresentante di una compagnia luce e gas, è un diritto dell’utente richiedere il riconoscimento tramite tesserino. Anche in questo caso, tuttavia, è bene prestare attenzione perché potrebbe essere contraffatto. 

Inoltre è consigliabile in ogni caso non rilasciare mai i propri dati a nessuno (soprattutto quelli del conto corrente e il codice cliente POD sulla bolletta, ndr) e chiedere casomai l’invio per posta o email della proposta di contratto.

Un’altra informazione utile è che la firma del contratto non ha validità se la compagnia energetica non ha chiesto conferma ai potenziali nuovi clienti con una telefonata o una lettera. Inoltre, nel caso in cui si sia firmato il contratto, è possibile esercitare il proprio diritto di recesso entro 10 giorni con comunicazione tramite raccomandata a/r al nuovo operatore.

Strumenti utili per il consumatore

Consigliamo di verificare la lista nera dei fornitori che l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha pubblicato sul suo sito. Qui è possibile trovare anche l'elenco delle misure a tutela dei consumatori, come l’obbligo di verifica a carico dei venditori di tutti i contratti siglati porta a porta o telefonicamente, e dei nuovi sistemi di monitoraggio per difendersi dalle truffe.

Infine per denunciare i casi di truffa sui contratti energia non richiesti, o per inoltrare eventuali segnalazioni di presunte irregolarità, ci si può rivolgere direttamente all'ARERA

Leggi tutti i commenti