Rischio aumenti per le bollette di energia elettrica del prossimo autunno. Le torride temperature raggiunte nel corso della stagione estiva hanno provocato un consumo record di energia elettrica, che manifesterà i suoi effetti già nel corso dei prossimi mesi con dei nuovi rincari. Il consumo eccezionale di condizionatori e dispositivi refrigeranti ha portato i costi dell'energia alle stelle.

I primi aumenti si riverseranno prima su quelle imprese di grandi dimensioni che consumano una grande quantità di energia, acquistandola direttamente in Borsa. Le famiglie e le piccole imprese pagheranno invece le conseguenze più tardi, attraverso gli aumenti nelle bollette luce che riceveranno durante la stagione autunnale.

Da leggere: Risparmiare sulle bollette con le energie rinnovabili

Aumenti bollette luce in autunno: la causa è nei consumi record

Secondo i dati raccolti da Terna, la società che gestisce la rete elettrica in Italia, la domanda di energia elettrica dei mesi estivi ha subito un sensibile aumento, toccando valori record, fino a sfiorare i 56.883 megawatt nel mese di agosto. Sebbene nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno le quotazioni medie fossero contenute (ad esempio l'elettricità all'ingrosso costava in media 44 euro in marzo, 43 in maggio, 48 euro in giugno), la situazione ha subito un vero capovolgimento a luglio e agosto.

Infatti è proprio in questi due mesi che i prezzi dell'energia elettrica hanno subito un forte aumento, toccando ad agosto la media è di 104 euro, fino a raggiungere i 138,2 euro per mille chilowattora nell'ora di punta. La causa di questi consumi record di energia è da rintracciare nell'uso eccezionale dei condizionatori d'aria, dei frigoriferi e banchi refrigerati.

Quali saranno gli effetti sui consumatori?

Il progressivo calo della temperatura ha riportato i consumi e i prezzi ai normali livelli, ma lasciando comunque delle tracce. Infatti le forti oscillazioni prezzi dell'energia elettrica e del gas registrati al mercato all'ingrosso hanno delle ripercussioni sui costi delle bollette. Un meccanismo che lascia presagire inevitabili aumenti nei mesi autunnali.

In realtà già con il terzo aggiornamento trimestrale, l'Aeegsi aveva annunciato un aumento nelle bollette luce: circa il 3% nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2016 e il 30 settembre 2017.

Come evitare gli aumenti nelle bollette luce?

Sebbene i rincari sui costi delle bollette siano inevitabili, soprattutto quando provocati da eventi di questa portata, è possibile limitare i danni adottando qualche piccolo accorgimento. In questi casi la scelta dell'offerta luce e del tipo di tariffa – ad esempio monoraria o bioraria – diventa determinante. Anche l'adozione di uno stile di consumo più attento e razionale può rivelarsi decisivo.

Un altro suggerimento è quello di leggere la bolletta della luce con attenzione, valutando l'importo delle singole voci di spesa e l'andamento dei consumi. Una strategia che potrebbe permettere anche di identificare tempestivamente eventuali anomalie al proprio impianto elettrico.