Se hai appena sottoscritto un'offerta per la fornitura luce e gas con una compagnia energetica del Mercato libero ma ci hai ripensato e desideri tornare al Servizio di Maggior Tutela o comunque cambiare fornitore energetico, sappi che è possibile esercitare il cosiddetto diritto di ripensamento.

Quest'operazione, se effettuata correttamente ed entro le scadenze previste - 14 giorni dalla data di adesione all'offerta -, ti permetterà di recedere dal contratto di energia appena stipulato senza doverti far carico di alcuna spesa. La procedura per richiedere questo diritto è pressoché la medesima per tutte le principali compagnie.

A cambiare saranno ovviamente gli indirizzi e le modalità di invio del modulo per l'esercizio del ripensamento. A titolo esemplificativo, in questo articolo abbiamo deciso di riportarti come si effettua il diritto di ripensamento Enel Energia e il diritto di ripensamento Eni.

Enel Energia diritto di ripensamento

Qualora tu abbia sottoscritto una fornitura luce e/o gas con Enel, avrai diverse possibilità per richiedere il diritto di ripensamento Enel Energia, e quindi recedere dal contratto di fornitura prima della sua attivazione.

La prima soluzione è quella di inviare via posta una raccomandata con ricevuta di ritorno (A/R) entro 14 giorni solari dalla data di adesione alla tariffa. La raccomandata dovrà includere il modulo per ripensamento Enel Energia, scaricabile direttamente dal sito web di Enel.

Dovrai compilare questo documento in tutte le sue parti, inserendo i tuoi dati personali, il codice contratto, la data di attivazione della fornitura e l'indirizzo presso il quale è attivo il servizio. Fatto questo il modulo Enel Energia dovrà essere spedito al seguente indirizzo:

Enel Energia S.p.A. Casella Postale 8080 – 85100 Potenza

In alternativa, potrai decidere di inviare il modulo per diritto di ripensamento Enel via posta elettronica a allegati.enelenergia@enel.com oppure via fax al numero 800 046 311. Infine, se desideri parlare con un operatore Enel Energia per richiedere il diritto di ripensamento, potrai contattare il Numero Verde Enel sempre entro 14 giorni dalla sigla del contratto.

DA LEGGERE: Conosci la differenza tra il diritto di recesso e il diritto di ripensamento?

Diritto di ripensamento Eni

Anche per richiedere il diritto di ripensamento Eni è necessario compilare il modulo per l'esercizio del ripensamento Eni, anch'esso scaricabile dal portale web dell'operatore. Qui dovrai inserire i dati dell'intestatario della fornitura così come le informazioni principali relative al tuo contratto (tipologia di contratto, numero Cliente, POD/PDR, ecc.).

Una volta compilato, il modulo Eni dovrà essere spedito entro 14 giorni successivi alla data di perfezionamento del contratto che coincide con la data di ricevimento da parte tua della lettera di accettazione Eni.

Anche in questo caso l'invio può essere fatto via posta all'indirizzo Eni gas e luce S.p.A. Casella Postale 71 – 20068 Peschiera Borromeo (MI) oppure via fax all'800 91 99 62. In alternativa, potrai effettuare il diritto di ripensamento online. Come? Semplicemente accedendo all'area My Eni e inviando il modulo per ripensamento Eni tramite il form Contatta Eni gas e luce.

Questa sono tutte le informazioni che devi conoscere affinché la procedura per diritto di ripensamento Enel Energia e il diritto di ripensamento Eni entro 14 giorni vada a buon fine.