I pannelli solari e fotovoltaici rappresentano ormai una soluzione sempre più diffusa, adottata da coloro che desiderano non solo risparmiare sulle bollette di energia ma anche tutelare l'ambiente e le sue preziose risorse. Nel corso degli ultimi anni sono davvero tanti coloro che hanno deciso di dotarsi di questi sistemi energetici alternativi, stimolati anche dalle detrazioni fiscali del 65-50% previste in caso di ristrutturazioni edilizie e risparmio energetico.

Prima di scoprire le ultime novità e le detrazioni fiscali per 2017, occorre precisare che esiste una netta differenza tra i pannelli solati e fotovoltaici. Infatti, sebbene abbiano in comune l'impiego di energia solare, i pannelli solari e fotovoltaici prevedono modalità e tipologie di energia diverse, ovvero:

· pannelli solari: l'energia prodotta è impiegata per produrre acqua calda, per riscaldare o rinfrescare gli ambienti;

· pannelli fotovoltaici: l'energia prodotta può solo essere autoconsumata, o immessa in rete attraverso la vendita o lo scambio sul posto.

Da leggere: Che cos'è la certificazione energetica obbligatoria e quando serve?

Incentivi e detrazioni fiscali per i pannelli solari e fotovoltaici

L'ultima Legge di Stabilità ha confermato anche per questo anno le detrazioni fiscali del 65% per tutti gli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio. Per gli interventi condotti sulle abitazioni la scadenza per l'invio delle richieste è fissata al 31 dicembre 2017, mentre per interventi di risparmio energetico sui condomini la scadenza è fissata al 2021.

Per inoltrare le richieste bisogna collegarsi al sito ufficiale Enea, che ha creato un apposito servizio per gli utenti attivo già dallo scorso mese di marzo. Le agevolazioni fiscali previste per i pannelli solari e fotovoltaici rientrano nel progetto degli Ecobonus 2017/2021 e consentono di ottenere delle detrazioni Irpef o Ires dal 65% al 75%. Bisogna precisare che le detrazioni fiscali sono previste solo per interventi condotti su immobili ed edifici già esistenti, per provarlo bisognerà munirsi di un certificato d'iscrizione al catasto.

Nel caso dei pannelli solari le detrazioni fiscali sono del 65%, in questo caso la spesa massima stabilità dagli Ecobonus, e che consente di determinare l'ammontare della detrazione Irpef o Ires, è di 60.000 euro. La spesa include i costi sostenuti per l'installazione di pannelli solari in grado finalizzati alla produzione di acqua calda per usi domestici.

Ricordiamo che le detrazioni fiscali sono estese anche all'installazione di pannelli solari per uso industriale o per la produzione di acqua calda per piscine, strutture sportive, case di ricovero, istituti scolastici e università.

Quali condizioni occorre rispettare per accedere alle detrazioni?

Per accedere alle detrazioni fiscali occorre documentare tutte le spese sostenute per la realizzazione di interventi finalizzati al miglioramento energetico. Nel caso dei pannelli solari bisognerà inoltre rispettare alcune specifiche condizioni: la conformità alle norme UNI EN 12975 o UNI EN 12976, certificati da un organismo di un Paese dell'Unione Europea e della Svizzera e il possesso di una garanzia con termine di scadenza fissato a cinque anni.

Alla documentazione bisognerà allegare anche una dichiarazione rilasciata dal direttore dei lavori che attesti le tipologie di interventi condotte e una certificazione energetica dell'immobile da richiedere Regione o dall'Ente locale o in alternativa un attestato di qualificazione energetica predisposto da un professionista abilitato. Tutta la documentazione andrà trasmessa per via telematica all'Enea entro 90 giorni dal termine dei lavori.