Se sei alla ricerca delle migliori offerte di energia elettrica, devi sapere che ogni piano ed ogni fornitore propongono tariffe differenti. Per capire quale sia la più conveniente e la più adatta al tuo stile di vita è essenziale analizzare quanto costa un kWh di energia elettrica, distinguendo tra le condizioni della maggior tutela e le proposte degli operatori del libero mercato.

Quanto costa un kWh di energia nel mercato libero?

A differenze delle tariffe previste dal servizio di maggior tutela, che vedremo in seguito, le offerte dell'energia elettrica del mercato libero prevedono un costo della luce determinato liberamente dall'operatore stesso. Non potendo stilare una selezione completa di tutte le proposte attualmente disponibili sul mercato, è bene comunque specificare che sapere quanto costa un kWh sul mercato libero è un'operazione non così necessaria come si potrebbe pensare. Ad influenzare il costo totale dell'energia elettrica, in questo caso, ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione: prima di tutto, sei tu stesso a dover analizzare quale offerta sia effettivamente la più conveniente per te, indipendentemente dal costo effettivo di un kWh.

Per determinare la proposta migliore, devi considerare bene ogni singolo sconto legato all'eventuale promozione che ti viene proposta, tra cui lo sconto su ogni singolo kWh e la durata del periodo promozionale a tariffa bloccata. Mediamente, il risparmio sul costo dell'energia elettrica prendendo in esame il costo di un kWh è del 10%, cui si aggiungono eventuali bonus kWh periodici o alla fine dell'anno in base alla proposta del fornitore. Altri fattori risultano, in ogni caso, altrettanto importanti, in particolar modo per quanto riguarda l'utilizzo medio che fai dell'energia elettrica e l'effettiva residenza. Per determinare l'offerta migliore per te, considera se il contratto dovrà essere stipulato per la fornitura in un'abitazione principale o in una seconda casa, qual è effettivamente l'impiego medio della luce all'interno dell'abitazione e quali i consumi medi richiesti, tenendo in considerazione fattori come ad esempio gli elettrodomestici che utilizzi più frequentemente ed il loro consumo.

Tra le proposte del mercato libero, dunque, risulta molto difficile consigliare un piano specifico o un altro, non potendo far altro che confrontare ogni singola offerta proposta periodicamente dai principali fornitori di energia elettrica come ENI Gas e Luce, Enel Energia, Edison, Illumia e via discorrendo.

DA LEGGERE: Bolletta luce, costo dell'energia elettrica in aumento del +2.9%

Quanto costa un Kwh con il servizio di maggior tutela?

Come detto, a differenza del mercato libero, i piani dell'energia elettrica a regime di maggior tutela - più semplicemente detto mercato tutelato - si basano sulle condizioni stabilite direttamente dall'Autorità per l'Energia, la quale le aggiorna a cadenza trimestrale. In questo caso, dunque, sapere quanto costa un Kwh è un'operazione molto più semplice.

Inoltre, dal mese di aprile 2017 è stata proposta per la prima volta una tabella semplificata per indicare il prezzo dell'energia sia sul mercato tutelato, sia - tenendo comunque conto di una media fatta tra le varie proposte - sul mercato libero. Nel primo caso, l'attuale costo dell'energia elettrica è di 0,19€/Kwh, comprensivo di tasse. Per quanto riguarda il mercato libero, invece, il costo medio calcolato è di 0,22€/Kwh.

Basandosi unicamente sui numeri, dunque, sembrerebbe esserci maggiore convenienza sul mercato tutelato, tuttavia è necessario ribadire come convenga sempre considerare eventuali promozioni e bonus proposti dal mercato libero e non elencabili interamente in una semplice tabella comparativa.