Se hai intenzione di richiedere un'offerta gas (o l'hai appena sottoscritta) dovrai capire qual è la procedura prevista dalla compagnia energetica per effettuare l'autolettura gas e in che modo comunicarla al tuo fornitore.

A che cosa serve l'autolettura del gas?

A tutti sarà capitato almeno una volta di trovare davanti alla propria abitazione una comunicazione circa l'arrivo di un addetto del fornitore gas (o luce) per la lettura del contatore. Se non si riesce ad essere in casa all'arrivo del tecnico le compagnie permettono ai propri utenti di effettuare la cosiddetta autolettura del gas.

Questa operazione permette dunque di comunicare in autonomia le informazioni relative ai propri consumi energetici alla compagnia di energia. Effettuare la lettura del contatore gas è piuttosto semplice. Il primo passo è quello di individuare dove è collocato il contatore-gas della tua abitazione. Fatto questo procurati carta e penna per annotare i numeri presenti sul contatore. Sullo schermo del dispositivo vengono generalmente riportate cinque cifre a sfondo nero e due cifre sulla destra a sfondo rosso. I numeri che devi annotare sono unicamente quelli presenti sulla sinistra, a sfondo nero. Nel caso il meccanismo di una delle cifre presenti sia a cavallo tra una e l'altra, ti basterà annotare il numero più leggibile.

Ma a che cosa serve esattamente l'autolettura dei consumi gas? È presto detto: un invio periodico regolare della lettura del contatore permette al fornitore di monitorare costantemente i tuoi consumi ed individuare eventuali consumi atipici. Inoltre, comunicando i valori dell'autolettura permetterai alla compagnia di inviarti la bolletta del gas con i tuoi consumi effettivi, e non con quelli stimati in caso di mancata autolettura pervenuta al fornitore.

DA LEGGERE: Bolletta luce: la differenza tra consumi effettivi e stimati

Come comunicare la lettura del gas al proprio fornitore

Se da una parte l'autolettura del gas rappresenta un'operazione estremamente semplice, dall'altra i metodi con cui è possibile comunicare la lettura del gas al proprio fornitore variano da azienda ad azienda. Una soluzione prevista da tutti i fornitori è quella di riportare il risultato dell'autolettura su un foglio e di appenderlo sulla porta della propria abitazione. Al momento del controllo programmato da parte degli operatori della compagnia energetica, questi prenderanno nota delle informazioni lasciate sul foglio.

In alternativa, ogni fornitore offre dei metodi propri attraverso i quali comunicare la lettura del contatore: via telefono, dall'Area Clienti sul sito ufficiale del fornitore o direttamente via App da mobile.

Se, ad esempio, hai sottoscritto una fornitura gas con Enel Energia, in questo caso potrai comunicare l'autolettura telefonando al numero verde 800.900.837 oppure inviando il risultato via SMS allo stesso numero. In alternativa, puoi comunicare la lettura direttamente accedendo all'area clienti dal sito ufficiale e selezionando l'invio della lettura del contatore all'interno della tua area personale.

Ultima possibilità è utilizzare l'app Enel Energia disponibile gratuitamente per smartphone e tablet iOS o Android. Le stesse possibilità sono offerte anche da Eni, con cui è possibile comunicare l'autolettura al numero verde 800.999.800, dall'area My Eni del sito internet ufficiale o direttamente dall'App Eni Gas e Luce. Queste, dunque, sono le informazioni utili di cui hai bisogno per effettuare e comunicare l'autolettura del tuo contatore del gas.