Nuovi rincari sulla bolletta luce e partire da aprile 2017: è quanto annunciato dall'AEEGSI, l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, nel corso della revisione trimestrale delle condizioni economiche di riferimento per il mercato tutelato.

Per la seconda volta nell'arco dell'anno il costo dell'energia elettrica subirà quindi un rincaro. Dopo il +0.9% dal 1°gennaio, a partire dal 1°aprile 2017 è previsto un ulteriore rincaro del +2.9% sulla bolletta luce per oltre i due terzi delle famiglie italiane.

In calo invece il costo del gas, che dopo la stangata di inizio anno (+4.7%) subirà un ribasso del -2.7% nel secondo trimestre dell'anno.

Perché sale il prezzo dell'energia elettrica?

Il rincaro del costo della materia prima è dovuto principalmente all'aumento dei costi approvvigionamento registrato nel corso del primo trimestre del 2017, legato soprattutto al fermo di circa un terzo delle centrali nucleari francesi per controlli sulla sicurezza durante lo scorso autunno.

Il calo del produzione di energia ha costretto la Francia a interrompere le esportazioni verso i paesi confinanti, fra cui anche l'Italia, come invece faceva da anni con il surplus di energia prodotto proprio grazie al nucleare. Per far fronte alla situazione e riuscire comunque a soddisfare la domanda di energia, l'Italia è stata persino costretta a riattivare le centrali a carbone di Genova e Bastardo (Umbria).

Questo fenomeno, unitamente ad altre concause quali le ondate di freddo che hanno colpito alcuni paesi europei e l'aumento del prezzo del gas, hanno portato a quotazioni dell'energia elettrica nel periodo gennaio-marzo 2017 più alte rispetto alle previsioni. Di conseguenza, vanno ora recuperati i costi di acquisto, motivo per cui l'AEEGSI ha stabilito l'aumento del +2.9%.

DA LEGGERE: Come leggere la bolletta luce? Lo spiega l'AEEGSI

Quale sarà l'andamento del mercato energetico nei prossimi mesi?

Fortunatamente, nonostante i rincari, le prospettive lasciano spazio all'ottimismo, complice la rimessa in funzione delle centrali francesi una volta terminati i controlli del caso. Con la bella stagione, l'interscambio energetico tra Francia e Italia dovrebbe infatti riprendere regolarmente. Nel secondo trimestre è quindi atteso un calo dei costi di acquisto dell'energia, cosa che dovrebbe trasdursi in un ribasso delle condizioni economiche per il mercato tutelato a partire da luglio 2017.

Risparmiare sulla bolletta luce con il libero mercato

I rincari interessano oltre i due terzi delle famiglie italiane che non hanno ancora effettuato il passaggio al mercato libero e si riforniscono quindi alle condizioni economiche della maggior tutela.

Entro la fine dell'anno, salvo ulteriori proroghe, anche queste famiglie dovranno però sottoscrivere un contratto luce e gas con uno dei tanti operatori del libero mercato, dal momento che è prevista l'abolizione del servizio di maggior tutela.

Sebbene il passaggio possa preoccupare molti consumatori, questa potrebbe in realtà rivelarsi una buona opportunità per risparmiare sulle bollette luce e gas. Certo, occorrerà farsi furbi e giocare d'anticipo, anche perché le voci di spesa da considerare quando si valuta la convenienza di un'offerta luce o gas sono molte e non facilissime da capire.

In questo senso, una buona idea consiste nell'affidarsi a un comparatore online per confrontare in modo rapido ed efficace le offerte presenti sul mercato. Su SuperMoney, puoi mettere le offerte luce e gas a confronto in pochi minuti: ti basta inserire qualche dato e le tue preferenze sulla fornitura. Il tutto ovviamente in modo completamente gratuito e senza alcun impegno. Perché non provare?