Secondo gli esperti del settore siamo di fronte ad una rivoluzione epocale: Nest, il termostato intelligente di Google potrebbe davvero soverchiare le regole di un mercato, quello del riscaldamento domestico, che almeno in Italia è ancora parecchio frammentato e non vede nessun dispositivo veramente in grado di dominare la scena incontrastato.

Ideato dall'inventore dell'iPod, il termostato di Nest è uno dei gioiellini di Google, che da anni, come già ben sapete non è più soltanto un motore di ricerca. L'attenzione verso la domotica da parte di Big G non è mai stata un mistero: Google nel 2014 ha infatti comprato per 3,2 miliardi di dollari Nest lasciandola libera di svolgere la sua missione in piena autonomia.

L'intelligenza superlativa di Nest e le sue principali caratteristiche

Nest è un termostato intelligente proprio perché in breve tempo, una volta inserito all'interno delle nostre case, recepisce le nostre abitudini in termini di temperatura e si regola da sé, integrandosi perfettamente con l'ambiente interno nel quale intendiamo posizionarlo. Il termostato Nest è inoltre compatibile con impianti di riscaldamento autonomi, con termosifoni e pavimenti radianti e lo si può usare anche con impianti centralizzati e termovalvole.

La gestione del riscaldamento in casa, rappresenta un settore dove almeno in Italia, la tecnologia è ferma a circa 20 anni fa, e oggi è pronta a ricevere sul mercato un oggetto, il termostato Nest che ha dalla sua un'intelligenza artificiale nettamente superiore alla maggior parte degli esemplari presenti sul mercato.

Nest ha funzioni davvero notevoli, quando non c'è nessuno in casa si spegne da solo e si riaccende poche ore prima che qualcuno torni a casa.

Oltretutto Nest ha un design davvero particolare, è molto bello a vedersi, e può essere utilizzato senza problema anche come oggetto di decoro.

 DA LEGGERE: Manutenzione dell'impianto di riscaldamento: cosa fare prima dell'accensione?

La storia di Nest

L'inventore di Nest è Tony Fadell, già celebre per aver disegnato l'iPod quando era dipendente Apple. Tony Fadell ha potuto contare su di un team davvero farcito di individualità notevoli come Matt Rogers, altro ex dipendente Apple, suo compagno d'avventura nel periodo in cui, giovanissimi, cercarono di portare nell'automazione domestica l'idea di semplicità e accessibilità del lettore Apple.

Nest e la spinosa questione della privacy

Nest non è solo nella sua missione, se in Europa c'è ancora una certa confusione nel mercato del riscaldamento domestico, ecco che altre case di produzione oltreoceano stanno sfornando dispositivi comunque degni di nota: Netatmo e Honeywell su tutte.

Nest è anche un recettore di dati, un occhio vigile nelle case in cui viene installato, e questo ha creato non pochi problemi inerenti la privacy. Lionel Paillet, General Manager Europe di Nest ha voluto infatti precisare "Siamo ospiti nelle case dei nostri clienti, per questo chiediamo sempre il permesso di utilizzare i dati che raccogliamo e difatti indichiamo con chiarezza come e quando li usiamo".

Prezzo Nest

Questo splendido termostato intelligente verrà lanciato in Italia attraverso due modelli, il Nest Learning Thermostat (249 euro), NestCam Indoor e il NestCam Outdoor (entrambi a 199 euro).