Se vuoi richiedere la disdetta del contratto Enel Energia in questo articolo troverai tutte le informazioni utili per risolvere in poco tempo la questione e passare eventualmente ad un altro operatore. Infatti le motivazioni che possono spingere un utente ad interrompere il contratto di fornitura dell'energia elettrica possono essere molto diverse. Oltre alla ricerca di tariffe per l'energia elettrica più convenienti, le ragioni che possono spingerti a richiedere la disdetta del contratto di energia posso essere:

· il bisogno di interrompere l'erogazione del servizio in seguito ad un cambio di residenza;

· la volontà di esercitare il diritto di ripensamento, che consente agli utenti di interrompere un contratto senza sostenere alcuna penale entro 14 giorni dalla data di sottoscrizione del contratto;

· e infine, la morte dell'intestatario del contratto.

In tutte queste situazioni le procedure previste per la disdetta del contratto del contratto di Enel Energia sono molto semplici e prevedono nella maggior parte dei casi delle tempistiche abbastanza rapide.

Richiedere la disdetta del contratto Enel Energia per passare ad un altro operatore

Se desideri interrompere il contratto con Enel Energia per passare ad un altro operatore non dovrai fare altro che contattare la nuova compagnia energetica e comunicare la tua decisione. Sarà proprio quest'ultimo a gestire l'intero processo tecnico-amministrativo, contattando il vecchio fornitore e provvedendo poi all'attivazione del nuovo contratto. In questi casi ti consigliamo di scegliere con attenzione sia il nuovo fornitore sia il tipo di offerta per l'energia elettrica, in modo da non dover ripetere l'operazione a breve distanza di tempo.

La data prevista per il passaggio al nuovo operatore ti verrà comunicata in fase di sottoscrizione del nuovo contratto. In genere le tempistiche oscillano da un minimo di 30 giorni fino ad massimo di due mesi. Ricorda che l'operazione non prevede costi aggiuntivi, a parte il deposito cauzionale e gli eventuali costi di bollo, che potranno variare a seconda dell'operatore scelto.

Richiedere la disdetta del contratto per l'energia elettrica esercitando il diritto di ripensamento

Se invece decidi di interrompere la fornitura entro 14 giorni dalla data di sottoscrizione del contratto potrai avvalerti del diritto di ripensamento. In questo modo potrai interrompere il contratto senza dover sostenere alcun tipo di costo o penale. I 14 giorni verranno conteggiati a partire dalla data in cui hai ricevuto la copia del contratto. Per i contratti sottoscritti via mail o tramite telefono il conteggio parte dalla data in cui il cliente riceve per posta la copia scritta del contratto. La richiesta dovrà essere inoltrata in forma scritta e inviata tramite raccomandata a/r.

Da leggere: Cambio gestore energia elettrica senza consenso: come difendersi?

Cosa fare i caso di decesso dell'intestatario del contratto?

Nel caso in cui la motivazione sia legata al decesso dell'intestatario del contratto potrai scegliere tra due diverse soluzioni. Se desideri mantenere attiva l'erogazione del servizio potrai richiedere la voltura del contratto di energia elettrica, che ti consentirà di modificare esclusivamente i dati relativi all'intestatario del contratto, lasciando inalterate le condizioni contrattuali.

Se invece desideri richiedere la disdetta del contratto Enel Energia dovrai scaricare dal sito dell'operatore l'apposita modulistica che dovrà essere compilata da un familiare, inserendo tutte le informazioni richieste. Alla domanda bisognerà allegare il certificato di morte dell'intestatario e la fotocopia di un documento d'identità di colui che ha apposto la firma. L'intero plico andrà inviato attraverso una raccomandata a/r, all'indirizzo indicato.