Il settore dell'illuminazione, da qualche anno a questa parte, ha subito l'avvento delle nuove lampadine a LED, preferite a quelle tradizionali o alle alogene per innumerevoli motivi. Essendo più durature ed efficienti di quelle classiche, questo tipo di lampadine permettono di risparmiare energia elettrica e quindi spendere meno in bolletta. Scopriamo quindi come funzionano le lampade a LED, perché dovremmo sceglierne una e dove si trovano più comunemente.

Come funzionano le lampade a LED

Ma perché, nel corso di tutti questi anni, la tecnologia LED è diventata così utilizzata? Il motivo alla base è sicuramente da ricercare nella natura del LED. Quest'ultimo infatti è l'acronimo di Light-Emitting Diodes, ovvero diodi ad emissione di luce. I diodi non sono altro che componenti elettronici passivi che consentono di ricevere un flusso di corrente elettrica in entrata, ottenendo un risultato che varia in base alla natura del diodo stesso.

Quest'ultima, nei diodi LED, offre una emissione di luce diretta che, nel corso degli anni, l'elettronica è riuscita ad aumentare a dismisura in quanto a potenza, garantendo comunque dei consumi decisamente molto bassi, soprattutto se paragonati a quelli che richiedono le più comuni lampadine a filamento, a scarico o luminescenti.

Grazie a questi risultati, l'industria ha integrato la tecnologia LED in una serie di prodotti. L'adozione maggiore è senza dubbio quella ricevuta da parte del settore delle smart TV, che con i LED - e con la variante OLED, ormai in gran voga sui TV a partire dal 2016 - sono riusciti a vantare di immagini più luminose e realistiche. L'altro settore è appunto quello dell'illuminazione, con lo specifico caso delle lampadine.

Queste ultime infatti sono da qualche anno giunte sul mercato e, sebbene con un prezzo non proprio accessibile rispetto a quelle tradizionali, hanno originato un vero e proprio boom soprattutto per i vantaggi che offrono. Quali sono? Vediamoli.

DA LEGGERE: Quanto si risparmia con le lampadine a LED?

Come funzionano le lampade a LED: vantaggi

Facile dire che il LED è meglio di altre tecnologie, senza conoscerne i motivi. C'è davvero una convenienza tangibile nelle lampade a LED? Sì, e per una serie di ragioni.

Innanzitutto, i LED hanno avuto un successo enorme perché, malgrado il costo iniziale più alto rispetto a quelle tradizionali, sono in grado di risparmiare davvero tantissimo sulla bolletta dell'energia elettrica. Ad un solo Watt infatti, le lampadine al LED offrono mediamente ben 120 Lumen (unità di misura di luminosità, guardate sempre questo dato quando acquistate una lampadina per capire che luce fa). Le lampadine classiche, con un solo Watt, riescono ad emettere appena 13 Lumen in media, ben dieci volte meno rispetto a quelle a LED.

Quanto si risparmia? Ben dieci volte rispetto alle classiche lampadine, insomma. I dati sono ovviamente generici, e cambiano da modello a modello, ma vi fanno capire perché, nel valutare una lampadina, non è più il caso di valutare i Watt, bensì solo i Lumen (rapportati ai Watt, magari).

Altro vantaggio delle lampadine a LED è la durata:

  • La vita media di una lampadina a filamento è pari a 1.000/1.400 ore
  • Quella di una lampada a scarica è di 4.000 ore
  • Quella di una lampada fluorescente è di 6.000 ore
  • Invece quella di una lampadina a LED è di 50.000 ore

Per chiudere il quadro, sicuramente è necessario tenere in considerazione anche che le lampadine a LED non producono calore e che sono costruiti con materiali che non inquinano l'ambiente.

Dove comprare le lampadine a LED?

Quindi, a questo punto, dove comprare le lampade a LED? I posti sono ormai tantissimi, a partire dai vari store online, fino ai grandi negozi dell'elettronica ma anche ai supermercati più modesti, dove compaiono aziende anche abbastanza note. Vi sono inoltre numerose compagnie di energia elettrica che propongono la propria offerta dedicata con lampadine; basta vedere ad esempio ENI LEDxCasa.

C'è davvero l'imbarazzo della scelta: ora che sapete perché sceglierle e cosa guardare, potete acquistarle con disinvoltura.