Le tante offerte per il gas metano sono la conferma dell’ampia diffusione dei sistemi di riscaldamento alimentati con questo combustibile in Italia. Il gas metano, detto anche gas naturale, rappresenta infatti uno dei combustibili più diffusi al mondo, impiegato non solo per il riscaldamento ma anche in cucina per la cottura dei cibi. Proprio per la sua ampia diffusione sul territorio e per il grande utilizzo da parte degli utenti privati, il mercato energetico propone tipi di offerte in modo da soddisfare le esigenze delle diverse tipologie di clientela.

Ma quali sono i vantaggi del riscaldamento a metano e perché è così diffuso e apprezzato? Per rispondere a queste domande abbiamo chiesto la consulenza ai nostri esperti di energia che ci hanno spiegato non solo quali sono i vantaggi di un impianto di riscaldamento a metano, ma ci hanno anche fornito qualche consiglio per ottimizzare l’uso degli impianti di riscaldamento nelle nostre abitazioni.

Riscaldamento a metano: quali sono i vantaggi per gli utenti privati?

Possedere un impianto di riscaldamento sicuro e in grado di assicurare un buon margine di risparmio è la priorità di tutti i consumatori. Per queste ragioni consigliamo sempre ai nostri utenti di dedicare particolare attenzione alla scelta del sistema di riscaldamento per la propria abitazione, valutando non solo le caratteristiche tecniche ma anche le proprie esigenze e abitudini di consumo. In questa fase di analisi, ovviamente non dovrà mancare anche la valutazione delle tariffe per la fornitura del gas.

Come anticipato, tra i vantaggi degli impianti di riscaldamento a metano più apprezzati dagli utenti rientrano senza dubbio l’ampia diffusione delle rete di distribuzione sul territorio, a cui si sommano gli ampi margini di risparmio rispetto agli altri combustibili. Un vantaggio doppio, perché garantito con entrambi i tipi di caldaie, ovvero sia quelle ad alto rendimento sia quelle a condensazione.

Scegliendo un impianto di riscaldamento a metano non ci saranno problemi di rifornimento infatti il sistema è collegato alla rete di distribuzione del gas metano. Quest’ultimo aspetto garantisce l’immediata attivazione della caldaia all’interno delle singole abitazioni. Un altro vantaggio degli impianti di riscaldamento a metano riguarda le ridotte emissioni inquinanti, un aspetto che ben si accorda con le recenti politiche ambientali.

Da leggere: Quanto costa la manutenzione annuale della caldaia?

A tal proposito occorre specificare che l’unico modo per contenere le emissioni di gas inquinanti prodotti dagli impianti di riscaldamento a metano è effettuare delle periodiche attività di manutenzione. Solo in questo modo è possibile verificare eventuali anomalie e garantire la messa in sicurezza dell’impianto. In merito alle criticità non ci sono particolari segnalazioni da fare, se non quella di monitorare l’andamento dei consumi che potrebbero risentire delle tariffe applicate a scaglioni.

Come ottimizzare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento?

Oltre alle periodiche attività di manutenzione e alla scelta di una buona tariffa che sappia garantire il risparmio e delle condizioni confortevoli nelle proprie abitazioni, per ottimizzare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento è necessario attuare anche delle piccole strategie. In questo caso è meglio giocare d’anticipo, sfruttando proprio quei mesi che precedono l’accensione dei termosifoni.

Ad esempio durante l’autunno, quando le temperature sono ancora gradevoli, è possibile effettuare dei controlli per verificare il livello di isolamento della propria abitazione. In questo caso bisognerà controllare lo stato delle pareti esterne e interne, dei tetti e dei pavimenti. Grazie a questi controlli si potranno individuare tutti quei fattori che determinano le pericolose dispersioni di calore nelle abitazioni, che rappresentano la causa primaria dell’aumento dei consumi.