Come ormai saprai, le valvole termostatiche sono diventate obbligatorie, quindi se ne sei sprovvisto ti consigliamo di affrettarti e metterti subito in regola. Per farlo avrai tempo fino al prossimo 31 dicembre, una volta scaduto questo termine sarai soggetto a pesanti multe, che potranno toccare anche i 2.500 euro. Nel precedenti articoli, i nostri esperti ti hanno spiegato come funzionano le valvole termostatiche e quali vantaggi offrono. Oggi ti sveleremo qualche piccolo trucco per usarle al meglio e quindi ottimizzare l'impiego delle risorse energetiche.

Oltre a garantire l'ottimizzazione delle risorse energetiche, un corretto funzionamento delle valvole termostatiche garantisce una sensibile riduzione dei consumi, dei costi delle bollette del riscaldamento, oltre ad una maggiore sicurezza. Ancora una volta, grazie alla consulenza dei nostri esperti di energia ti daremo qualche consigli utile per gestire al meglio il tuo impianto di riscaldamento.

Da leggere: Risparmiare sul riscaldamento si può. Ecco come.

1- Ogni termosifone presente nella tua abitazione dovrà essere dotato di valvola termostatica. Si tratta di una regola fondamentale, che dovrai rispettare per godere a pieno dei vantaggi garantiti da questi dispositivi. Trattandosi di un sistema a circuito chiuso, non dotare anche un solo radiatore delle valvole termostatiche significa compromettere gli effetti di tutti gli altri e quelli dell'intero condominio.

2- Le valvole termostatiche non devono essere azionate. Una volta installate, la valvole termostatiche si attivano con l'accensione dell'impianto. Trattandosi di dispositivi autonomi non richiedono alcun tipo di intervento esterno.

3- Con le valvole termostatiche puoi scegliere una temperatura diversa per ogni stanza. Uno dei vantaggi delle valvole termostatiche riguarda la gestione autonoma della temperatura da parte dell'inquilino. Ruotando la manopola esterna, potrai impostare la temperatura in ogni stanza scegliendo su una scala compresa tra 1 e 5 in base all'intensità del calore desiderato.

4- Impostazione della temperatura giusta. Per ottimizzare i consumi energetici, ricorda di scegliere una temperatura non troppo elevata. Nelle stanze in cui ci sono varie fonti di calore, come ad esempio la cucina o il soggiorno, la temperatura consigliata di aggira sui 20°C, nei locali di passaggio 16-18 °C, mentre nel bagno puoi impostarla lievemente più alta.

5- Termosifoni freddi. Se noti che i termosifoni di alcune stanze sono freddi è possibile che le teste termostatiche siano state impostate in modo non uniforme rispetto alle altre stanze, valutando eventuali apporti gratuiti di calore (es.: stanza esposta al sole, presenza di elettrodomestici o persone). In questo caso dovrai semplicemente la aumentare la temperatura.

6- Termosifoni caldi solo nella parte superiore: sono un chiaro segnale del buon funzionamento delle valvole. Man mano che il termosifone cede calore all'ambiente, diventa più freddo a partire proprio dal basso. Infatti ogni radiatore possiede solo la quantità d'acqua necessaria a mantenere la temperatura impostata per ogni stanza.

7- Mantenere il calore nell'ambiente. Per farlo dovrai eliminare qualunque tipo di ostacolo si trovi davanti al termosifone: copritermosifoni, tendaggi pesanti, mobili, ed evitare fughe di calore lasciando porte e finestre aperte. Un'altra soluzione potrebbe essere acquistare dei cronotermostati che consentono di gestire la temperatura per fasce orarie e in base alle personali necessità di utilizzo.

8- Manutenzione ordinaria dell'impianto di riscaldamento. In questo modo potrai essere certo che il tuo impianto funzioni in modo efficiente e sia sicuro, potrai ridurre gli sprechi energetici quindi ottenere un notevole risparmio in termini economici, e infine avrai la certezza di ridurre l'emissione di gas inquinanti.

9- Alla fine della stagione invernale posiziona tutte le teste termostatiche in corrispondenza del valore di massima apertura. In questo modo non comprometterai il corretto funzionamento futuro del tuo impianto alla riaccensione perché avrai evitato la formazione di sedimenti. Alla riaccensione, ricorda però di impostare ogni valvola sui valori di temperatura desiderati.

10- Usa il tuo impianto di riscaldamento in modo razionale. Non accenderlo di notte o quando non sei a casa, e inoltre verifica lo stato di isolamento del tuo edificio, evitando il rischio di dispersioni di calore.