L'Ecobonus 2017, che garantisce delle detrazioni fiscali fino al 65% per tutti gli interventi finalizzati alla riqualificazione energetica degli edifici, potrebbe essere riconfermato anche per il nuovo triennio, ovvero esteso a tutti gli interventi effettuati tra il 2017 e il 2019. Se quindi stai valutando da tempo di intraprendere degli interventi dei lavori per migliorare la qualità energetica della tua abitazione, questo è senza dubbio il momento migliore per farlo. In questo modo potrai risparmiare non solo sulle spese dei vari interventi ma anche sui costi delle bollette di luce e gas, grazie al miglior utilizzo delle risorse energetiche.

Per l'attuazione vera e propria dell'intervento bisognerà attendere un nuovo intervento normativo, che probabilmente sarà rappresentato dalla Legge di Stabilità, quella del 2017. Per adesso il Vice Ministro dell'economia Morando ha chiarito che i tempi previsti per le detrazione saranno sempre pari a 10 anni e che il Governo sta valutando la possibilità di stabilizzare l'Ecobonus, proprio per dare alle famiglie e alle imprese un tempo maggiore per pianificare gli interventi.

Ecobonus 2017: quali saranno le novità?

Come avvenuto per le detrazioni fiscali Ires e Irpef per l'efficienza energetica dello scorso triennio, anche gli Ecobonus 2017 rappresenteranno per molti italiani un valida opportunità per innalzare il livello di efficienza energetica degli edifici e contribuire anche alla diffusione di soluzioni a basso impatto ambientale. A tal proposito sono trapelate già alcune novità in merito agli interventi che rientreranno nell'Ecobonus 2017 – 2019. Sembra infatti che le detrazioni fiscali riguarderanno anche l'installazione di impianti di domotica, ovvero tutte quelle soluzioni che consentono di gestire gli impianti di climatizzazione e riscaldamento dell'acqua calda sanitaria da lontano.

Oltre alla diffusione di soluzioni ad alto contenuto tecnologico, le detrazioni fiscali previste per il prossimo triennio potrebbero prevedere anche l'obbligo di redazione di un attestato di prestazione energetica e l'applicazione di un sistema di sanzioni per le dichiarazioni false. Tra le proposte avanzate, e al momento ancora in fase di valutazione, rientrano l'approvazione di investimenti per favorire la riqualificazione energetica degli edifici pubblici e di sistemi di incentivi per supportare gli interventi di riqualificazione energetica delle imprese.

In merito ai limiti di spesa previsti per i nuovi Ecobonus è probabile che saranno gli stessi del triennio precedente, ovvero fino ad un massimo di 100.000 euro per i lavori di efficienza energetica e fino ad un massimo di 60.000 per altre tipologie di interventi, come ad esempio la sostituzione degli infissi, interventi per innalzare il livello di isolamento di soffitti e pareti e per la schermatura solare.

Per la sostituzioni dei vecchi sistemi di riscaldamento con nuovi sistemi a basso impatto ambientale, il tetto massimo di spesa per accedere alle detrazioni è di 30.000 euro. Per accedere alle agevolazioni bisognerà acquistare degli impianti geotermici, delle pompe di calore oppure delle nuove caldaie a condensazione o a biomassa.

Da leggere: Caldaia a condensazione: perché conviene?

Quali vantaggi garantiscono gli Ecobonus?

Gli Ecobonus e il sistema di detrazioni fiscali rappresentano non solo una valida occasione di risparmio per i cittadini e le imprese, ma anche una grande possibilità per velocizzare il processo di riqualificazione edilizia degli edifici italiani. Inoltre, con la progressiva diffusione di sistemi energetici alternativi e a basso impatto ambientale, ci sarebbe anche un significativo calo delle emissioni di CO2 nell'aria, con un evidente miglioramento delle condizioni ambientali e positive ripercussioni sulla salute dell'uomo. Inoltre, secondo i dati emersi dai dati presentati dalla Commissione Ambiente di Montecitorio dal Cresme e dal Servizio Studi della Camera, il sistema di detrazioni produce ottimi effetti anche sull'economia del Paese.

Le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e il saldo economico per la fiscalità di ecobonus hanno prodotto nel corso dell'ultimo periodo – ovvero dal 1998 al 2015 – un saldo positivo per 10,5 miliardi, che potrebbe salire a 15 se si contano anche i benefici per famiglie e imprese. Dunque, trattandosi di un vero affare per il Paese e anche per i cittadini e le imprese, ci sono tutte le premesse affinchè il nuovo Ecobonus 2017 diventi presto realtà