Se vuoi rinfrescare casa senza ricorrere al condizionatore o al ventilatore in questo articolo potrai trovare tanti preziosi suggerimenti e affrontare più serenamente l'estate, senza temere pesanti conseguenze in bolletta. In estate, con l'aumento delle temperature, sono davvero tante le persone che preferiscono restare chiusi in casa e godersi il fresco di ventilatori e condizionatori. Una bella comodità che tuttavia prevede delle controindicazioni, prima fra tutte l'aumento dei consumi e quindi degli importi delle bollette di energia elettrica.

Da leggere: Come scegliere il ventilatore giusto?

Prima di passare alla lista di suggerimenti per rinfrescare la casa in modo naturale, vogliamo però ricordarti che i consumi energetici di condizionatori e ventilatori non sono così eccessivi come spesso si pensa. Molto dipende dal tipo di tariffa energetica scelta, dalle modalità d'uso e dalla classe energetica del dispositivo. Infatti, se scelti e adoperati in modo corretto, i condizionatori e i ventilatori possono diventare dei validi alleati per sconfiggere il caldo estivo. Se vuoi averne una prova potrai ad esempio leggere la nostra guida sui condizionatori e fare le tue valutazioni.

I nostri consigli per rinfrescare casa senza ventilatore o condizionatore

Oltre alla riduzione dei consumi energetici, tra le motivazioni che potrebbero spingerti a ridurre o eliminare del tutto l'uso di condizionatori e ventilatori potrebbe rientrare senza dubbio l'impatto ambientale e quindi la volontà di inquinare meno. Ad esempio, i condizionatori oltre ad assorbire molta energia, disperdono nell'aria molta aria calda favorendo l'ulteriore aumento della temperatura esterna, senza poi dimenticare il possibile uso di gas inquinanti e non a norma e l'inquinamento acustico prodotto dai motori in funzione.

Per ovviare a tutte queste conseguenze è possibile adottare alcune strategie:

· tenere chiuse porte, finestre e persiane durante le ore più calde della giornata e soprattutto in quelle stanze più esposte al sole. In questo modo è possibile abbassare di molto la temperatura interna.

· Aprire le finestre, ma solo nelle prime ore del mattino e dopo il tramonto in modo da far entrare dell'aria fresca, arieggiare gli ambienti, favorire il ricambio dell'aria.

· Limitare l'uso di elettrodomestici che sprigionano calore, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Quindi stop a pc, aspirapolvere o stampanti.

· Cercare di limitare l'uso del forno e anche del piano cottura. Durante l'estate sarebbe meglio ricorrere ad un'alimentazione leggera e fresca.

· La presenza di tende da sole e ombrelloni per esterni potrebbe essere un ottimo modo per ripararsi dal sole e trascorrere delle piacevoli ore all'aperto.

· Fare docce e bucato al mattino o nelle ore più fresche della giornata in modo da evitare le formazione di umidità negli ambienti interni.

· Tenere le luci accese il meno possibile, meglio sfruttare la luce solare il più possibile.

· Anche la scelta dell'abbigliamento potrebbe rivelarsi utile. Meglio ricorrere a tessuti naturali, in cotone o lino. Lo stesso vale per la biancheria da letto, meglio usare lenzuola in lino o cotone.

· Infine, se possiedi un ventilatore potrai accenderlo posizionando davanti alle ventole una ciotola con del ghiaccio. In questo modo l'aria diventerà fresca in pochi minuti.