E' di qualche giorno fa la delibera firmata dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi) che prevede di riformare i meccanismi di mercato vigenti sui prezzi dell'energia elettrica destinata alla vendita ai clienti domestici finali e alle piccole imprese del servizio di maggior tutela. Un regime tariffario ben distinto da quello previsto nel libero mercato, dove i prezzi sono invece definiti dalle stesse compagnie energetiche.

Secondo quanto previsto da questo provvedimento (delibera 369/2016), a partire dal primo dell'anno del 2017 i consumatori potranno decidere di sottoscrivere una nuova soluzione all'interno del panorama energetico.

Stiamo parlando dell'offerta Tutela Simile, la nuova tariffa luce per le forniture di energia elettrica per le famiglie e le piccole imprese che permetterà di aderire a una fornitura caratterizzata da una precisa struttura contrattuale standardizzata dall'Aeegsi.

Vediamo quindi di seguito quali sono le caratteristiche di questa nuova proposta, a chi si rivolge e quali vantaggi comporterà.

Tutela Simile: di che cosa si tratta?

Come appena anticipato, Tutela Simile è il nome con il quale, a partire dal 1° Gennaio 2017, verrà chiamata la nuova tariffa per l'energia elettrica che, come spiega l'Autorità, è appunto "simile" a una fornitura del Mercato Libero. Ovvero a un mercato energetico in cui i costi delle tariffe sono fissate dai fornitori privati di energia ma pur sempre sotto la vigilanza dell'Aeegsi che avrà il compito di vigilare sul comportamento di questi ultimi.

Inoltre, così come avviene per il Mercato Libero, anche con l'offerta Tutela Simile ti sarà inoltre permesso cambiare gestore energetico gratuitamente, scegliendo così la tariffa più adatta alle tue esigenze.

L'intento di questa riforma promossa dall'Aeegsi è del resto proprio quello di offrire ai consumatori la possibilità di sperimentare una tipologia di offerta più vicina a quelle del Mercato Libero. Tipologia, quella del Mercato Libero, che diventerà presto l'unica modalità di fornitura quando, il 1° Gennaio 2018, verrà abolito il servizio di Maggior Tutela.

Entro questa data, infatti, il 75 % delle famiglie italiane che non sono ancora passate al Mercato Libero dovranno optare per un nuovo fornitore, scegliere una nuova offerta e, tra queste, anche una di quelle che rientrano nel programma di Tutela Simile. Ai consumatori non resterà quindi che armarsi di buona pazienza, confrontare le diverse tariffe presenti sul mercato e informarsi bene così da scegliere l'offerta energetica più conveniente e che meglio si adatta alle loro esigenze.

L'adesione alla Tutela Simile da parte dei gestori energetici sarà volontaria ma potrà essere proposta solo da quei fornitori del mercato libero ammessi a tale meccanismo e sulla base di specifici requisiti, monitorati e aggiornati ogni trimestre dall'Autorità. Potranno infatti aderire a questa proposta solo le compagnie energetiche che rispettano una delle seguenti condizioni:

  • avere 100 mila clienti per la fornitura di luce o gas
  • avere 50 mila soli elettrici

 Inoltre, per tutti i fornitori che rientreranno nella Tutela Simile sarà previsto un limite massimo di clienti che ciascuna compagnia può servire.

DA LEGGERE: Maggior tutela addio: quali rischi per i consumatori?

Chi può accedere all'offerta Tutela Simile?

In particolare, l'offerta Tutela Simile potrà essere sottoscritta da tutti i clienti finali, famiglie e alle piccole imprese, ancora in Maggior Tutela.

L'adesione sarà volontaria e avverrà via web e, nello specifico attraverso il portale digitale gestito dall'Acquirente Unico. Quest'ultimo, per conto del Sistema Informativo Integrato, avrà prima il compito di raccogliere tutte le offerte e poi quello di mettere in contatto il cliente con il venditore, senza alcun costo di intermediazione.

Tutela Simile: quali vantaggi offre?

Molteplici saranno quindi i vantaggi per i consumatori connessi all'adesione alla Tutela Simile. In primo luogo, data la natura concorrenziale della Tutela Simile (che caratterizza del resto lo stesso Mercato Libero), ci si aspetta una riduzione dei costi delle tariffe energetiche.

In secondo luogo i consumatori potranno scegliere fra le offerte di energia elettrica della Tutela Simile in condizioni di totale trasparenza e in un contesto di fornitura sorvegliato dall'Aeegsi. Le compagnie energetiche, come abbiamo detto, dovranno infatti sottostare a specifiche condizioni.

Infine, la Tutela Simile permetterà ai clienti di effettuare il passaggio da una compagnia energetica a un'altra più conveniente gratuitamente così come zero saranno i costi di intermediazione fra consumatore e gestore energetico.