L'arrivo del Canone Rai in Bolletta è imminente e, in vista della fattura elettrica con addebito della prima tranche per la tassa radiotelevisiva, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni continua a tenere aggiornato il proprio sito sulle ultime novità al riguardo rispondendo alle domande e a tutti i dubbi possibili dei contraenti.

Se anche tu sei tra coloro che questo mese si vedranno addebitare la prima rata - 60/70 €, a seconda della compagnia energetica- del Canone e hai ancora qualche dubbio sui meccanismi legati alla nuova modalità di pagamento della tassa radiotelevisiva, oggi abbiamo deciso di riportarti le domande più fatte dai consumatori in quest'ultimo periodo in merito all'entrata in vigore del Canone Rai in bolletta.

Qualora fossi interessato a ricevere maggiori informazioni, ad esempio su chi deve pagarlo o su come funziona, ti consigliamo di consultare anche la guida redatta dai nostri esperti sul Canone Rai in Bolletta. Vediamo ora di fare il punto su alcuni nodi fondamentali in materia di tassa radiotelevisiva.

Canone Rai in bolletta: cosa fare in caso di addebito non dovuto?

Al primo posto, fra i dubbi più frequentemente sollevati dai contribuenti, troviamo quelli legati a come bisogna comportarsi in caso di addebito non dovuto del Canone Rai.

Dubbio più che lecito e che, del resto, ha sollevato non poche preoccupazioni anche per conto dell'Unione Nazionale dei Consumatori che chiede sia fatta maggiore chiarezza su cosa devono fare i cittadini in caso di richiesta indebita del Canone.

Stando a quanto riportato dall'Autorità, infatti, tutti coloro che, pur avendo presentato l'autocertificazione sul Canone Rai 2016 per essere esonerati al pagamento della tassa, si vedono addebitati ugualmente il costo del Canone in bolletta devono procedere a compilare e inviare l'apposito modulo "Rimborso Canone Rai" scaricabile dal sito web dell'AGCOM.

Tuttavia, proprio qui sorge il problema che ha tanto allarmato l'Associazione. Ad oggi, infatti, il suddetto modulo di rimborso non è ancora disponibile e, quindi, questo significa che i contribuenti che si trovano in questa situazione non possono ancora procedere nella pratica né alla richiesta né all'ottenimento del rimborso vero e proprio.

Non resta quindi che aspettare il 3 Agosto, data entro la quale l'Autorità dovrebbe ufficialmente mettere a disposizione sul proprio portale online tutte le informazioni e le modalità precise per procedere al rimborso dell'addebito non dovuto.

DA LEGGERE: Canone Rai in bolletta: che cosa fare in caso di errori?

Canone Rai: cosa fare in caso di doppia utenza?

La seconda questione che maggiormente preoccupa i consumatori è invece legata a come comportarsi qualora si decida di adottare una nuova fornitura di energia elettrica o nei casi di doppia utenza. A questo proposito iniziamo con il dire che, normalmente, una persona non dovrebbe essere titolare di più di una utenza elettrica di tipo residenziale e domestica.

Tuttavia, se ti trovi in questa situazione e hai ricevuto una doppia fatturazione dalla tua compagnia energetica, e quindi un doppio addebito della prima rata del Canone, l'AGCOM suggerisce come prima cosa da fare quella di controllare che tutti i riferimenti anagrafici e il codice fiscale presenti su entrambi i contratti di fornitura siano uguali e aggiornati. Una volta verificato questo, potrai avanzare la richiesta di rimborso, ovviamente non appena l'apposito modulo, al momento ancora in fase di elaborazione, sarà approvato e caricato dall'Agenzia.

Canone Rai: cosa accade se l'utente decede?

Infine, un'altra domanda che ha sollevato l'incertezza dei consumatori riguarda il pagamento del Canone Rai in caso di decesso dell'utente. Come comportarsi, quindi, qualora l'intestatario del contratto energetico, nonché possessore di un apparecchio radiotelevisivo, dovesse venire a mancare?

In questo caso, per evitare l'addebito sull'utenza intestata a una persona deceduta è importante che gli eredi compilino il riquadro (quadro B) contenuto nella dichiarazione sostitutiva. Anche in questo caso, per conoscere le modalità necessarie per richiedere il rimborso del Canone Rai addebitato e non dovuto, dovrai sempre attendere l'emanazione del provvedimento in arrivo e previsto per il 3 Agosto.