La scelta tra un condizionatore portatile e uno fisso è influenzata da diversi fattori: le caratteristiche tecniche, il prezzo d'acquisto e ovviamente i consumi, che si riflettono direttamente sugli importi delle bollette di energia elettrica. Ricorda che la scelta deve sempre basarsi sulle tue esigenze personali e abitudini di consumo. In questo articolo ci occuperemo dei condizionatori fissi e portatili, illustrando per ogni modello i vantaggi e gli svantaggi. Cominciamo subito.

Condizionatore portatile: quali sono le caratteristiche?

Come dicevamo, tutto dipende dalle tue esigenze e dalla possibilità di effettuare un acquisto più o meno costoso. Infatti, un sistema di aria condizionata portatile è senza dubbio più economico di uno fisso, sia per il costo del modello in sé, sia per la mancanza di spese d'installazione. Se decidi di optare per un modello fisso dovrai prevedere una spesa d'acquisto superiore che sarà però ricompensata da consumi energetici più contenuti nei mesi successivi. Infatti, un condizionatore fisso consuma meno energia rispetto a uno portatile e ti permette quindi di risparmiare di più sulla bolletta elettrica.

Non esistono ancora condizionatori portatili con la cosiddetta tecnologia inverter, ovvero quello strumento che ti permette di impostare una temperatura e fare in modo che, una volta raggiunta possa mantenerla. Una volta acceso, un climatizzatore portatile va avanti senza limitarsi e si spegne solo con il tuo intervento. Inoltre è più rumoroso di un condizionatore fisso.

Un climatizzatore portatile offre però la possibilità di poterlo spostare da una stanza all'altra, utilizzandolo soltanto nell'ambiente che ti interessa raffreddare. I nuovi modelli sono ormai senza tubo di scarico e possono essere utilizzati senza dover prevedere l'incisione della finestra per far uscire l'aria calda e senza quell'ingombrante tubo che, appunto, collega il condizionatore al vetro. Questi dispositivi sono ideali per chi ha poco spazio oppure non ha un balcone sul quale collocare il motore del condizionatore fisso.

Quanto può costare un climatizzatore portatile?

I prezzi di un condizionatore d'aria portatile sono variabili e dipendono da molteplici fattori. Si può partire, da un modello più basico con un prezzo medio poco inferiore ai 100€, fino a sfiorare i 500 euro per i modelli più recenti, privi di tubo esterno e in grado di raffreddare anche degli ambienti di medie e grandi dimensioni. Inoltre ricorda che oltre alla potenza, il prezzo di un climatizzatore portatile è influenzato anche da alcuni aspetti tecnici, come lo scarico della condensa e la silenziosità, importante se vuoi usarlo anche di notte.

Per ottimizzare il tuo investimento ti consigliamo di effettuare l'acquisto "fuori stagione", quando i prezzi saranno più competitivi. Questo periodo coincide in genere con la chiusura della stagione estiva. Infatti, molte aziende e centri commerciale lanciano delle vere campagne promozionali, con sconti e offerte davvero vantaggiose, applicati anche a prodotti dalle elevate prestazioni energetiche.

DA LEGGERE: Consumi stimati e rilevati in bolletta: qual è la differenza?

Come scegliere un sistema con clima portatile?

Fatta chiarezza sui costi e le specifiche dei climatizzatori portatili, se hai intenzione di munirti di un climatizzatore non fisso per far fronte alle stagioni più calde dell'anno, qui di seguito ti riportiamo alcuni consigli su come scegliere il condizionatore d'aria portatile più conveniente.

Il primo consiglio che ti diamo è quello di non farti prendere dalla fretta acquistando il primo climatizzatore che vedi ma di prenderti un po' di tempo per mettere a confronto diversi preventivi per acquisto condizionatore. Una buona strategia è quella di comparare costi e caratteristiche dei sistemi clima portatile via web oppure recandoti in una delle grosse catene specializzate nella vendita di elettrodomestici.

Durante la fase di confronto dei preventivi, queste sono le caratteristiche che dovrai prendere in considerazione al fine di acquistare un prodotto di qualità:

  • la potenza: si tratta di quel valore espresso in watt. Più è alta la potenza, maggiore sarà il raffreddamento degli ambienti più grandi e più esposti al sole;
  • la tecnologia on/off: ovvero una funzione che permette al dispositivo di spegnersi una volta che l'ambiente raggiunge la temperatura desiderata;
  • la classe energetica (A+++, A++, A+, B, C, D, E, F e G) dove la A+++ comparirà sugli elettrodomestici a più basso consumo energetico e la G su quelli a più alto consumo energetico;
  • la rumorosità, espressa in decibel. Per non correre il rischio di acquistare un climatizzatore portatile troppo rumoroso, tieni presente che questo valore dovrebbe essere sempre compreso tra 40 e 50 Db.

Vantaggi e svantaggi del condizionatore fisso

Rispetto al dispositivo clima portatile, il condizionatore d'aria fisso, detto anche a parete, è la scelta giusta da fare se non si vuole andare incontro a consumi di energia troppo elevati, ma comporta un investimento iniziale maggiore. Infatti, oltre al costo di acquisto, bisogna prevedere quelli dei lavori di muratura che un tecnico deve affrontare per installartelo in casa, in media intorno ai 200-250€. Non solo: se abiti in un condominio, questi lavori devono essere approvati dall'assemblea condominiale.

Tra gli svantaggi, è da sottolineare anche il fatto che un condizionatore d'aria a parete richiede più spazio e anche la presenza di un balcone, dove installare il motore esterno. Però, proprio perché viene installato all'esterno, non si sentirà nessun rumore quando il condizionatore viene acceso.

In ogni caso, una volta acquistato e installato, nel lungo periodo un condizionatore fisso comporta costi minori rispetto a uno portatile, soprattutto se è dotato di tecnologia inverter. Come dicevamo prima, grazie a questo sistema stabilisci tu la temperatura, che il condizionatore raggiungerà e manterrà, accendendosi e spegnendosi a seconda del bisogno. Ciò comporta prestazioni energetiche nettamente migliori, che si traducono in una bolletta luce più bassa e in uno stile di vita più eco-sostenibile.

In più, i condizionatori fissi hanno ormai raggiunto un ottimo livello tecnologico e permettono di usufruire di funzioni sofisticate oltre a quella di base. Puoi infatti utilizzare la pompa di calore, per emettere aria calda, puoi filtrare l'aria in modo da averla più pulita oppure utilizzare la funzione di deumidificazione separata, per diminuire l'umidità nell'ambiente senza dover accendere l'aria condizionata. La maggior parte dei modelli, inoltre, possono essere comandati a distanza da appositi telecomandi.

Se hai spazio a disposizione e un balcone, il condizionatore fisso è senza dubbio la scelta migliore: è più efficiente, rende meglio e consuma meno.