La tariffa D1 per le pompe di calore è stata confermata e prorogata fino al 31 dicembre 2016. Se quindi utilizzate delle pompe di calore per riscaldare i vostri ambienti domestici sappiate che per tutta la durata dell'anno potrete usufruire dei vantaggi garantiti da questa tariffa e contenere così i costi delle bollette di luce e gas che, soprattutto durante la stagione invernale, pesano sui bilanci delle famiglie italiane. La decisione arriva anche in seguito all'enorme diffusione delle pompe di calore soprattutto tra i privati che possono così assicurarsi un elevato rendimento energetico, riducendo l'impiego dei combustibili fossili, come gasolio e gpl.

La decisione di applicare la tariffe D1 ai consumi delle pompe di calore è stata diffusa lo scorso 2 dicembre, in seguito all'approvazione della riforma delle tariffe elettriche da parte dell'Autorità per l'energia con delibera 582/2015. Ai nostri lettori ricordiamo che l'introduzione di questa tariffa sul mercato energetico è avvenuta qualche anno prima, ovvero il 1 luglio del 2014, con la delibera n.205/2014 dell'Aeegsi ed è una tariffa volontaria sia per i clienti del mercato libero sia per quelli del servizio di maggior tutela, a condizione che possiedano un contatore elettrico telegestito.

Da leggere: Stufe a pellet: fanno risparmiare?

Tariffa D1 per le pompe di calore: quali sono i vantaggi?

Il principale vantaggio offerto da questa particolare tariffa riguarda l'applicazione di un unico prezzo per ogni kWh, indipendentemente dai consumi annui totale. La finalità è ridurre i costi di esercizio delle pompe di calore, incentivando l'adozione di soluzioni per l'efficienza energetica e quindi lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Ovviamente per accedere a questo formula tariffaria dovrete dimostrare di possedere alcuni requisiti prestazionali che vi consentiranno di accedere alle detrazioni del 65%. Inoltre dovrete esprimere il consenso all'effettuazione di verifiche e controlli presso la propria abitazione da parte dei tecnici qualificati.

Quali sono le procedure da seguire per farne richiesta?

Se quindi volete prendere parte alla "sperimentazione tariffaria" e scegliere la tariffa D1 dovrete compilare la modulistica offerta dal vostro venditore di energia elettrica e allegare tutta la documentazione necessaria per dimostrare l'idoneità tecnica del vostro sistema di riscaldamento a pompa di calore. Nel giro di 14 giorni saranno effettuate tutte le verifiche e la tariffa D1 verrà applicata entro un mese.

Per tutto il periodo di applicazione della tariffa comparirà in bolletta la dicitura "DOMESTICO CON POMPA DI CALORE". L'attuazione della procedura non prevede il pagamento di costi aggiuntivi e vi consente inoltre di bloccare la sperimentazione della nuova tariffa. In questo caso dovrete compilare l'apposita modulistica resa disponibile dal proprio venditore di energia elettrica. Ricordate però che una volta inoltrata la richiesta di annullamento non potrete più tornare indietro.