Sapere come risparmiare sul riscaldamento è utile sempre, ma specialmente in questo periodo dell'anno per due motivi:
  • si avvicina l'inverno che si prospetta molto rigido;
  • dal 1°ottobre l'Autorità per l'energia ha incrementando il prezzo del gas del 2,4%. 

Come risparmiare sul riscaldamento? La manutenzione

Nonostante le varie offerte di energia disponibili sul mercato, la cosa più importante è effettuare periodica manutenzioni, anche perché è obbligatorio per legge.

Ricordiamo che i controlli di efficienza energetica e la manutenzione obbligatoria sono due cose diverse: la manutenzione obbligatoria attesta il funzionamento e la sicurezza della caldaia ed è prevista dalla legge, oltre che, in caso di mancanza, sanzionabili fino a 3mila euro.

DA LEGGERE: Come cambiare il fornitore di energia elettrica?

Un mito da sfatare: le fasce orarie

Molti italiani credono che si possa risparmiare sul riscaldamento utilizzando le fasce orarie: non è assolutamente vero. Qualora il riscaldamento venga spento quando in casa non c'è nessuno, e quindi per diverse ore al giorno, ci potrebbe essere un risparmio, ma questa procedura non è correttamente indicabile come “fascia oraria”.
Il gas non si paga per fasce orarie a differenza della luce che, a seconda degli operatori, può essere gestita secondo tariffe biorarie

La fornitura di gas naturale ha un unico costo valido per tutte le ore del giorno e della notte perché il prezzo da pagare per lo standard metro cubo è lo stesso.

Valvole termostatiche? Risparmi il 7%

Un semplice accorgimento che si può prendere è quello di sfruttare le valvole termostatiche, quelle che permettono di regolare la temperatura delle stanze, ma anche di evitare l'accensione automatica dei termosifoni nei locali inutilizzati o temporaneamente non occupati.
Con questa metodologia si ha un risparmio del 7% annuo. Cogliete l'attimo perché questi dispositivi sono compresi nelle detrazioni fiscali del 50% fino al 31 dicembre 2016 per coloro che attuano misure di risparmio energetico.

Per prevenire multe salate oltre che bollette salatissime, è bene ricordare che il decreto legge 102/2014, in attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, obbliga a installare valvole termostatiche negli edifici pubblici e privati con riscaldamento centralizzato.

Soluzione per inesperti

Sembra scontato, ma ogni utility va valutata in base alle proprie esigenze e ai propri consumi e, per chi ancora non lo sapesse, una valida alternativa ai rincari delle bollette è quella di passare al mercato libero, sia per la luce che per il gas, risparmiando mediamente il 15-16% annuo sulle forniture.