E.ON rinnova il suo impegno a favore delle energie rinnovabili attraverso la costruzione di un parco eolico offshore Rampion, nel Regno Unito in grado di provvedere al fabbisogno energetico di circa 500 famiglie. Con quest'ultima iniziativa il gruppo E.ON intende rafforzare la sua posizione a favore dell'uso delle energie rinnovabili, in grado di conciliare le esigenze ambientali con quelle di risparmio. Due importanti motivazioni che hanno spinto molti consumatori ad adottare questi tipi di risorse per le loro utenze domestiche ed infatti, mettendo le offerte per luce e gas presenti sul mercato a confronto, è possibile individuare molteplici opportunità di scelta che offrono anche interessanti opportunità di risparmio.

Le energie rinnovabili sono ormai entrate a far parte delle risorse adottate da molte compagnie energetiche, per avere qualche esempio basta ad esempio informarsi su Edison e le sue offerte, o su Eni o ancora su E.On e le altre compagnie e valutare le varie opzioni proposte. Solo in questo modo sarà possibile individuare la soluzione più adatta ai propri fabbisogni energetici e dare anche il proprio contributo alla difesa dell'ambiente.

LEGGI ANCHE: Rinnovabili: in Italia nel 2013 16,7% di energia 'green'

E.On lancia un nuovo progetto a favore delle energie rinnovabili

Tra le compagnie energetiche più attive nel sostenere l'uso e la diffusione delle energie rinnovabili rientra senza dubbio E.On, che ha recentemente annunciato di voler investire nella realizzazione di un nuovo parco eolico offshore Rampion, nel Regno Unito. Per dare vita a questa grande iniziativa sono stati stanziati circa 1.9 miliardi di euro, oltre alla partecipazione della UK Green Investment Bank plc (GIB) che ha contribuito versando circa 327 miliardi di euro. La grande carica innovativa del progetto e i vantaggi ambientali prospettati renderanno questo parco eolico un esempio unico al mondo.

Un innovativo progetto

Il nuovo parco eolico sarà costruito nel Canale della Manica a 13 km dalla costa del Sussex, a sud di Brighton. L'impianto avrà una capacità energetica pari a 400 megawatt e gli esperti prevedono che possa generare fino 1.300 GWh di energia l'anno impiegando esclusivamente energia rinnovabile. Grazie all'energia prodotta si potranno sostenere i fabbisogni energetici medi di circa 300.000 abitazioni, garantendo una forte riduzione delle emissioni di CO2, stimate al di sotto dei valori di 600.000 tonnellate l'anno. Il progetto è costituito da 116 turbine eoliche da 3,45 megawatt ciascuna.

Mike Winkel, membro del Board of Management di E.ON ha annunciato con grande orgoglio e soddisfazione l'avvio dei lavori, sottolineando le innovative prestazioni tecniche: "Il nostro progetto Rampion parte da una posizione di forza. Tecnicamente il progetto è un'evoluzione ottimizzata dei nostri quattro più recenti progetti eolici offshore. Facciamo affidamento su una tecnologia e su processi di installazione comprovati. Con questi presupposti E.ON intende dimostrare le sue elevate competenze che si sono perfezionate grazie alla costruzione e messa in operatività di parchi eolici offshore".