Capire quanto consuma un condizionatore d’aria ti permette di gestire al meglio le risorse energetiche e soprattutto ti consente di evitare aumenti in bolletta soprattutto durante la stagione estiva quando, con l’arrivo dei primi caldi, torneranno ad accendersi i condizionatori nelle case degli italiani. Per capire quanto incide l'uso di questi elettrodomestici sulla bolletta della luce, l'Osservatorio SuperMoney ha diffuso un vademecum che raccoglie alcuni consigli per un uso corretto del condizionatore e delle risorse energetiche.

Il vademecum include anche dei preziosi suggerimenti per scegliere le tariffe di energia elettrica più convenienti sul mercato in base a tre diversi profili di utente: una famiglia con figli, una giovane coppia e un single. Infatti, oltre a garantire un buon margine di risparmio, scegliere l’offerta per energia giusta consente anche di tutelare l'ambiente grazie alla minore emissione di sostanze inquinanti. Vediamo dunque quali sono i consigli dell'Osservatorio SuperMoney per usare al meglio il proprio condizionatore e ottenere un "fresco intelligente".

Come ridurre i consumi del condizionatore d’aria: i consigli di SuperMoney

Il consiglio numero uno per ridurre i consumi di un condizionatore d’aria è quello di acquistare un dispositivo ad alta efficienza energetica, possibilmente appartenente alla classe energetica A o a quelle superiori (A+, A++ e A+++). Scegliendo questi elettrodomestici potrai non solo risparmiare sulla bolletta della luce, ma anche recuperare il 50% della spesa sostenuta grazie al rinnovo degli Ecobonus previsti per gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica.

Oltre alla classe energetica bisogna prestare attenzione anche alla scelta del modello, che dovrà essere in grado di soddisfare le proprie esigenze e soprattutto proporzionato alla metratura della casa. A tal proposito ti suggeriamo di optare per i modelli a parete (monosplit o multisplit) che sono più efficienti dei monoblocco portatili.

Quanto consuma un condizionatore d’aria ad ora?

Il secondo suggerimento prevede la razionalizzazione dei consumi, ovvero una gestione più attenta delle risorse. Tenere acceso il condizionatore tutto il giorno, non è una scelta salutare, non è ecologica e non fa risparmiare sulla bolletta della luce. Il consiglio è di accendere l'apparecchio solo per qualche ora (ovviamente con porte e finestre chiuse), sfruttando la funzione deumidificatore. Per avere un’idea dei consumi, ti suggeriamo di informarti sul costo della componente energia prevista dalla tua tariffa.

Ricorda che mantenere i filtri del condizionatore ben puliti e installare il prodotto lontano dalla luce del sole possono essere degli ottimi metodi per ottimizzarne l’impiego. Infine, durante le ore di accensione, ricorda di mantenere la temperatura interna al di sotto di 6-7° di a quella esterna.

Quanto consuma un condizionatore d’aria: i dati di SuperMoney

Per avere un’idea chiara dei consumi di un condizionatore d’aria, l'Osservatorio SuperMoney ha considerato tre profili tipo: una famiglia di 4 persone, una giovane coppia e un single, residenti rispettivamente in un trilocale (90mq), in un bilocale (75mq) e in un monolocale (35mq). Quanto spendono se tengono acceso il condizionatore, nell'ordine, 4, 3 e 2 ore al giorno per tutti i 90 giorni della stagione estiva? Secondo i dati, una famiglia può spendere fino a 86,51 euro, una coppia fino a 108,83 e un single fino a 129,17 euro, ma ovviamente dipende dai consumi e dal modello di elettrodomestico.

"Come sempre, conoscere i propri consumi aiuta a spendere meno - commenta Andrea Manfredi, Presidente di SuperMoney. Il condizionatore, come tutti gli altri elettrodomestici, è di grande aiuto in casa ma non bisogna abusarne, perché il rischio è quello di far lievitare i costi della bolletta. La soluzione per abbattere i costi dell'energia domestica parte dalla scelta di una tariffa energetica adatta ai propri consumi e prosegue con una gestione attenta degli elettrodomestici. Solo in questo modo è possibile risparmiare lasciando invariate le proprie abitudini ".