Le famiglie italiane si chiedono spesso come trovare le tariffe di energia elettrica più convenienti, ma ultimamente sono anche attente a scegliere le offerte con fornitura da fonti rinnovabili. Risparmiare sulla bolletta della luce, infatti, è importante, ma altrettanto importante è avere abitudini di consumo sostenibili per l'ambiente. Buone notizie quindi arrivano per i consumatori sensibili alle tematiche ambientali perché risultata aumentata la produzione e il consumo di energia green da fonti rinnovabili.

Secondo quanto comunicato agli organi di stampa, infatti, la Borsa elettrica ha infatti scambiato energia green per il 55,1 % del totale, un record sul nostro territorio che si deve soprattutto al boom di fotovoltaico ed eolico che si sono assestati rispettivamente al 17,5% e all'8,6% del mercato. Ottimi dati anche per il settore idroelettrico cresciuto dell'1,6%. Se volete scegliere una tariffa di energia vantaggiosa e rispettare anche l'ambiente, quindi, potete farlo: basta trovare le offerte con fornitura da fonti rinnovabili.

Nelle case degli italiani, quindi, arriva sempre più energia elettrica green per un consumo ecosostenibile. Lo sfruttamento degli impianti di fotovoltaico e di quelli eolici sta dando i loro frutti anche se si è esaurito il sistema di incentivi statali. In ogni caso l'energia prodotta da combustibili fossili come il carbone è in netto calo e questa è sicuramente una buona notizia se si vuole creare un mondo più pulito e più rispettoso dell'ambiente.

Tuttavia c'è ancora molto da fare e non bisogna adagiarsi sugli allori. Il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) ha infatti voluto lanciare un monito anche di fronte a questi positivi dati sulle energie rinnovabili: fate attenzione all'uso del gas metano perché inquina troppo e ha un effetto serra 25 volte più potente dell'anidride carbonica anche se il suo tempo medio di permanenza in atmosfera non supera i 30 anni.

La soluzione? Secondo gli esperti non basta portare nelle case l'energia elettrica da fonti rinnovabili, ma bisogna puntare sulla riqualificazione energetica degli edifici per "dire addio alle caldaie" e sulle automobili a impatto zero con carburanti ecosostenibili.