Risparmiare sul costo della luce significa innanzitutto saper ottimizzare i propri consumi, ma anche scegliere l'operatore più vantaggioso e adatto alle proprie esigenze, valutando le offerte di Illumia, quelle di Enel e degli altri operatori.

Mettendo le tariffe per l'energia elettrica a confronto, infatti, si può avere un quadro chiaro di quanto offre il mercato e capire immediatamente quali sono gli operatori che propongono le offerte più vantaggiose. Inutile specificare che il confronto dovrà essere effettuato basandosi sulle proprie esigenze: ad esempio, se si sta tutto il giorno fuori casa e si concentrano i propri consumi la sera e nel week end sarà opportuno cercare l'offerta migliore tra le tariffe biorarie.

Nonostante la cura nella scelta dell'operatore più vantaggioso e l'attenzione nell'evitare gli sprechi, però, può accadere di non riuscire a pagare la bolletta della luce, a causa di difficoltà economiche o di malattie improvvise. In questi casi, l'Aeeg, l'Autorità per l'energia elettrica e il gas, permette di richiedere il bonus luce.

Si tratta di uno sconto sulla bolletta della luce, destinato non solo, come già detto, alle famiglie in difficoltà economica, ma anche a coloro che, per motivi di natura medica, devono utilizzare delle apparecchiature elettromedicali in casa.

In particolare, il bonus luce si può richiedere solo per l'abitazione in cui si risiede. Per fare domanda è necessario che il proprio indicatore ISEE non superi i 7500 euro, oppure i 20 mila euro nel caso dei famiglie numerose, cioè con più di tre figli a carico.

Il valore del bonus luce dipende dal numero di membri che compone la famiglia e permette di risparmiare circa il 20% della spesa annua per l'elettricità, al netto delle imposte. Nel dettaglio, per una famiglia di una o due persone il bonus avrà un valore di 72 euro, per una di tre o quattro persone di 92 euro, mentre per una composta da più di quattro persone il bonus avrà un valore di 156 euro.

Nel caso in cui si richieda il bonus perché si devono utilizzare degli apparecchi medici, il valore del bonus sarà calcolato in base al numero di apparecchiature e al loro utilizzo giornaliero. Sul sito dell'Aeeg è disponibile un applicativo di simulazione per capire a quanto ammonterà il bonus.

La richiesta per ottenere il bonus luce deve essere presentata al proprio Comune di residenza, o in alternativa in un altro istituto indicato dal Comune, come i CAF. La modulistica da compilare può essere scaricata sul sito dell'Aeeg, sul sito dell'Anci oppure direttamente presso i Comuni.