Ecobonus 2014 e detrazioni fiscali per ristrutturazioni: facciamo chiarezza sulla questione cumulabilità e sulle aliquote IVA. Ricordiamo che l'ecobonus prevede detrazioni fiscali al 65%, mentre per le ristrutturazioni 2014 le detrazioni sono al 50%.

Ecobonus e detrazioni fiscali 2014 per ristrutturazioni: niente cumulabilità

L'ecobonus al 65% e le detrazioni fiscali al 50% sono cumulabili? La risposta netta e perentoria giunge dalla guida dell'agenzia delle entrate: non esiste la possibilità di cumulazione delle agevolazioni, quindi i cittadini nei casi in cui per un medesimo intervento possano beneficiare di entrambi i tipi di detrazioni dovranno sceglierne uno soltanto (ovviamente, se possibile, l'ecobonus).

Ricordiamo inoltre che ormai da molto tempo le detrazioni fiscali su risparmio energetico non sono cumulabili con gli incentivi della Comunità Europea, delle regioni o delle amministrazioni locali. Di conseguenza il cittadino "deve scegliere se beneficiare della detrazione o fruire dei contributi comunitari, regionali o locali".

Ecobonus e detrazioni fiscali per ristrutturazioni 2014: aliquote IVA

Non è difficile orientarsi sulle aliquote IVA correlate all'ecobonus con detrazioni fiscali al 65%: è tutto chiarito a pagina 8 della guida sul risparmio energetico del sito Casa.governo.it. Servizi e cessioni di beni per tale tipologia di interventi risultano assoggettati all'IVA in base "alle aliquote previste per gli interventi di recupero del patrimonio immobiliare".

Si prevede regime agevolato con IVA al 10% per prestazioni di "servizi relativi a interventi di manutenzione - ordinaria e straordinaria - realizzati su immobili residenziali", per quanto concerne la cessione di beni l'aliquota diminuita va applicata quando la relativa fornitura "è posta in essere nell'ambito del contratto di appalto". Per i casi particolari relativi ai cosiddetti "beni di valore significativo" rimandiamo alla guida.

Rispetto all'ecobonus assai più complessa risulta la questione dell'IVA sulle ristrutturazioni edilizie per le quali beneficiare delle detrazioni al 50%. I vari casi specifici con esempi concreti sono tuttavia riportati con chiarezza a pagina 20 e 21 della guida "Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali", anche questa disponibile sul sito Casa.governo.it.