In tempo di crisi le bollette aumentano, soprattutto per quanto riguarda elettricità e riscaldamento. Scopriamo insieme alcune strategie che vi consentiranno di risparmiare sulla vostra spesa bimestrale. Per prima cosa, poniamo attenzione nei confronti di tutti quegli elettrodomestici che consumano troppa energia elettrica: la prima tipologia di elettrodomestici che dovrebbe essere eliminata riguarda gli scalda acqua elettrici ad accumulo, ovvero i bollitori, che dovrebbero essere sostituiti appena possibile con boiler istantanei a gas.

Per risparmiare sulla bolletta dell'energia elettrica è importante che ogni elettrodomestico sia efficiente, soprattutto i frigoriferi: i primi congelatori a pozzetto o vecchi frigoriferi, specialmente se mezzi vuoti, aumentano il consumo di energia elettrica soprattutto nel periodo estivo. Sarebbe opportuno pensare all'acquisto di un prodotto nuovo in classe A, considerato il fatto che comporterebbe un notevole risparmio energetico, che ammortizzerebbe il costo del medesimo nell'arco di qualche anno. Tale indicazione è da considerarsi valida anche nei confronti delle lavatrici e della lavastoviglie di vecchia data.

Risparmiare sulla bolletta della corrente è possibile anche grazie all'utilizzo di ciabatte con apposito interruttore che vi consentono di eliminare con un semplice click il consumo di tutti gli standby dei nostri vari dispositivi, come ad esempio televisioni, decoder, videoregistratori, stereo e molto altro ancora, eliminando anche i rischi di cortocircuito e danneggiamenti provocati dalle scariche dei fulmini nei periodi in cui non li utilizzerete.

Ipotizziamo che ogni standby consumi 10 W e mediamente in casa ne abbiate circa una decina: il consumo raggiunge i 100 W che moltiplicati per 24 ore raggiungeranno 2,4 KWh giornalieri che, moltiplicati per 60 giorni, arriveranno 144 KW/h, corrispondenti ad un costo di 20 centesimi al KW, raggiungendo quindi la cifra approssimativa di 28 euro a bimestre.

Per quanto riguarda l'illuminazione, è possibile risparmiare sulla bolletta grazie all'impiego di lampadine a risparmio energetico che invadono i nostri supermercati da ormai diversi anni, anche a prezzi molto vantaggiosi. Ricordate, che l'utilizzo delle famigerate stufette elettriche per periodi prolungati senza che queste siano regolate da un termostato, vi porta a brutte sorprese all'arrivo della bolletta, perché costano circa 50 centesimi ogni ora di funzionamento.