Una soluzione per ottenere maggior benessere e un risparmio termico per le proprie abitazioni, arriva dai materiali isolanti in grado di ridurre la dispersione di calore e accumulare energia termica, come i serramenti che giocano un ruolo importante nel risparmio energetico e nel benessere climatico della propria casa.

Dunque per un risparmio energetico e per realizzare un "clima indoor" ottimale i consumatori devono fare la giusta scelta tra i serramenti in commercio che permettono un guadagno termico gratuito e un'ottima ventilazione naturale. Questi possono essere in legno, alluminio e Pvc, ossia polivinile di cloruro. Nella scelta, oltre al gusto estetico, andranno messe in primo piano anche le caratteristiche isolanti.

Per un risparmio energetico ancora più efficiente, oltre alla scelta dei materiali dei serramenti, è importante anche il l'orientamento strategico delle finestre. Grazie ad un buon posizionamento a sud, infatti, esse riescono a captare livelli molto elevati di energia solare, consentendo un accumulo di calore durante l'inverno.

Per evitare il rischio di surriscaldamento dei serramenti durante la stagione estiva è necessario dotare le finestre di persiane o tende esterne, le quali consentono di mantenere il calore all'interno dell'ambiente durante la stagione invernale. infine, per un risparmio termico ottimale è necessario studiare anche il posizionamento dell'apertura dei serramenti verso nord ovest.

Ecco nel dettaglio i tipi comunemente in commercio:

Le finestre in legno danno all'ambiente un impatto estetico caldo, ma richiedono manutenzione e sono più deteriorabili degli altri materiali.

Le finestre in alluminio permettono di realizzare ogni tipo di serramento, il materiale è un conduttore naturale e tende a far migrare il calore verso l'esterno per questo è necessario inserire un materiale isolante.

Le finestre in PVC è adatto soprattutto per le abitazioni dei centri urbani poiché il materiale permette di realizzare un ottimo isolamento termico - acustico garantendo impermeabilità.