Ormai l'inverno è quasi alle porte e abbassare i costi del riscaldamento della propria abitazione può essere molto utile al bilancio familiare, da oggi è possibile ottenere questo risparmio grazie all'ecobonus.

Infatti il Governo guidato da Enrico Letta attraverso la Legge di Stabilità,ha stabilito delle detrazioni fiscali del 65% per il risparmio energetico; queste detrazioni sono state prorogate fino al 31 dicembre 2014.

Le agevolazioni fiscali riguarderanno tutti i lavori volti al miglioramento della resa energetica, cioè il risparmio di calore del proprio immobile. Sono comprese la coibentazione e l'installazione di infissi che siano certificati per ottenere un risparmio energetico.A differenza di del bonus per le ristrutturazioni, il tetto di spesa non è fisso, ma varia a in base al tipo di intervento attuato, per fare un ad esempio, per i pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua il tetto massimo previsto è pari a 60 mila euro.
Per ottenere i benefici fiscali riguardanti le opere di risparmio energetico bisogna sempre seguire la procedura presente sul sito dell'Enea, tenendo presente che per poter ottenere gli sconti, sarà necessario effettuare i pagamento mediante un bonifico parlante, cioè un versamento bancario in cui deve essere specificata la causale.

Si tratta di misure molto importanti che consentono di trovare soluzioni alternative in grado di climatizzare le abitazioni risparmiando sui consumi energetici, diminuendo cosi anche le cemissioni e cosa altrettanto importante consentendo un risparmio in bolletta.

Tra gli interventi più idonei ad ottenere un buon risparmio energetico gli esperti consigliano ad esempio i quadri a parete riscaldanti,oppure il riscaldamento a pavimento o quello a infrarossi. Un altro aspetto da non sottovalutare è che ad esempio con la semplice sostituzione degli infissi,con i modelli certificati per il risparmio energetico si ottiene una drastica diminuzione dei consumi di calore.

Questo perché con questo tipo di infissi diminuisce notevolmente la dispersione termica, c'è inoltre da segnalare che il mese scorso l'Autorità per l'energia ha annunciato la decisione di ridurre del 3% dei prezzi di tutela del gas naturale e dello 0,8% di quelli dell'energia elettrica nel trimestre di ottobre/dicembre 2013. Di sicuro si tratta di una buona notizia visto che i costi legati a riscaldamento e illuminazione rappresentano una delle voci fondamentali nel budget delle famiglie italiane.