Detrazioni fiscali per fotovoltaico e riqualificazione energetica: molti ricorderanno l'entusiasmo con cui tutte le forze politiche hanno richiesto non solo la proroga dell'ecobonus, ma anche la sua stabilizzazione futura. Bene, stando alle indiscrezioni sulla legge di stabilità riprese oggi da IlSole24Ore, la famosa stabilizzazione non ci sarà. Come potrebbero quindi riconformarsi le detrazioni fiscali su fotovoltaico, risparmio energetico e riqualificazione energetica degli edifici? Per il 2014 potrebbero scendere al 55%, per poi gradualmente calare ancora e tornare al 36% nel 2016.

Pur precisando che si tratta di indiscrezioni, queste news sull'ecobonus e le detrazioni fiscali per fotovoltaico e risparmio energetico più in generale sono già state commentate con notevole amarezza da Ermete Realacci del PD, presidente della Commissione Ambiente alla Camera da sempre in prima linea sulle tematiche ambientali e sull'ecobonus in particolare. Se sarà davvero così, commenta Realacci "vorrà dire che si sarà persa un'altra occasione", che "ancora una volta avrà prevalso una logica meramente contabile dei conti pubblici rispetto a una politica intelligente che avrebbe richiesto una stabilizzazione dell'ecobonus".

Pessime notizie, quindi, per l'ecobonus. Le detrazioni su fotovoltaico e risparmio energetico anziché stabilizzarsi potrebbero tornare rapidamente al vecchio 36% entro il 2016. La volontà politica (in parlamento pressoché unanime) di stabilizzare gli incentivi era stata accolta con grande favore da cittadini e da esperti, ma in questo momento sembra voglia essere sacrificata dal Governo in nome di quella che Realacci definisce una logica meramente contabile dei conti pubblici che non è, tuttavia, la migliore per il paese.

Naturalmente insieme a molti altri ci auguriamo che alla fine tale volontà di stabilizzare l'ecobonus arrivi a concretizzarsi. A breve comunque, e questo è indubbio, la questione verrà chiarita definitivamente in Parlamento.