Ecobonus 65%, detrazioni risparmio energetico 2013-14: arrivano nuovi importanti chiarimenti da ENEA che riguardano in particolar modo che vuole beneficiare degli sgravi fiscali ricostruendo un immobile integralmente o solo in parte in seguito a crolli o altro.

L'ecobonus 2013-2014 con detrazioni per risparmio energetico al 65% al centro dell'aggiornamento delle FAQ da parte di Enea, l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo delle Nuove Tecnologie, L'Energia e lo sviluppo sostenibile. Si specifica nelle FAQ che con la modifica del 21 agosto 2013 è ora possibile beneficiare delle detrazioni fiscali al 65% per risparmio energetico, fotovoltaico, efficienza energetica, anche in caso di abbattimento e ricostruzione di immobile con volumetria pari al precedente anche nel caso che la nuova sagoma sia diversa da quella originaria.

Quindi si può beneficiare dell'ecobonus al 65% anche in caso di ripristino degli edifici, in via integrale o parziale, purché tuttavia si rispetti sempre la volumetria originaria (questo resta un punto fermo imprescindibile). ENEA coglie l'occasione anche per chiarire che non si può invece beneficiare delle detrazioni per risparmio energetico nel 2013 e 2014 nel caso di ampliamento di un immobile, ovvero se ne può beneficiare per la parte già esistente, ma non per quella costruita da zero in seguito.

Riassumendo dagli ultimi chiarimenti ENEA sull'ecobonus con detrazioni fiscali al 65% emerge che, se si ricostruisce un immobile con sagoma a propria scelta ma rispettando la volumetria originaria, si ha diritto agli sgravi, se si amplia un immobile sì ha diritto alle detrazioni sulla parte preesistente ma non su quella di nuova costruzione.