Il caro energia è uno degli argomenti che più spaventa gli italiani sempre più alle prese con bollette di luce e gas difficili da pagare a causa della crisi economica che non cessa di caratterizzare la vita quotidiana delle famiglie del nostro paese. Tuttavia i prezzi dell'energia in Italia non sono superiori alla media europea in base a quanto affermato da Aldo Chiarini, Amministratore Delegato di Gdf Suez Energia Italia e Presidente di Gdf Suez Energy Southern Europe.

Secondo il manager infatti è errato affermare che in Italia esiste un caro energia dal momento che il costo del gas è ormai allineato al resto dell'Europa mentre per quanto riguarda l'energia elettrica i prezzi sono di poco più alti a causa, in modo particolare, di un mix energetico diverso e maggiormente orientato verso le fonti di energia rinnovabili. Le differenze dunque, secondo Chiarini, riguardano solo le aziende dal momento che i sussidi per le energie rinnovabili in Italia vengono garantiti a tutti i consumatori al contrario di quanto avviene in altri paesi europei dove sono a carico solamente delle famiglie.

Rimane comunque notevole la differenza con i costi in vigore negli Stati Uniti dove l'energia elettrica costa circa la metà e il gas addirittura solamente un terzo. Alla base di queste notevoli differenze il notevole sviluppo in America dello shale gas, il calo dei consumi e le grandi agevolazioni rivolte alle energie rinnovabili che hanno notevolmente contribuito a cambiare il quadro energetico che ha vissuto la crisi degli impianti a gas di stampo tradizionale.

Il dirigente di Gdf Suez smentisce dunque l'esistenza di un caro energia nel nostro paese e sottolinea inoltre come l'Italia sia in vantaggio rispetto ad altri paesi su molti aspetti in ambito energetico a partire da quello relativo alle rinnovabili. L'auspicio finale è quello di un riequilibrio dell'impatto degli impianti a gas e di quelli mossi dalle rinnovabili con l'obiettivo di migliorare l'efficienza energetica e con essa avere un calo dei consumi che potrà certamente avere ripercussioni positive per tutti i soggetti coinvolti.