In Italia 450 mila posti di lavoro, da qui all'anno 2020, si potrebbero creare nel settore delle energie rinnovabili, ed in particolare nel solo comparto del solare termico. E' questa la previsione che per il nostro Paese ha formulato la facoltà di tecnologia dell'Università di Vienna entro l'anno 2020 considerando che attualmente in Italia nel solare termico sono 15 mila gli addetti.

Il potenziale di crescita è quindi elevatissimo se si considera che il target dell'Unione Europea all'anno 2020 in Italia ad oggi è stato raggiunto solo da 69 Comuni in forza soprattutto agli ottimi risultati che sono stati ottenuti attraverso l'emanazione di bandi pubblici. Ideale per i consumi di acqua calda sanitaria, il solare termico è stato sinora occasione di risparmio energetico per molte Amministrazioni comunali virtuose, dal Comune di Jesi a quello di Cuneo e passando per il Comune di Piacenza.

Tra le grandi città che rispetto all'anno 2012 hanno accelerato nell'incentivazione all'installazione del solare termico ci sono anche Roma ed il Comune di Catania, mentre per quel che riguarda i piccoli Comuni a distinguersi è Don. In Provincia di Trento, il piccolo Comune di Don è infatti al momento quello che in Italia ha la maggior estensione di pannelli solari termici installati sul territorio in rapporto a quello che è il numero degli abitanti che vi risiedono. A seguire c'è il Comune di Seneghe, in Provincia di Oristano, e sul gradino più basso del podio Terento, un Comune della provincia autonoma di Bolzano.