Auto elettriche, con una presentazione alla stampa e al pubblico di Los Angeles il 27 giugno 2013, il titolare di Tesla, Elon Musk, ha mostrato che la rete societaria di stazioni di ricarica d'energia Supercharger, dotate di tecnologia per lo scambio batteria, dà all'utente la possibilità di cambiare una batteria ad ioni di litio scarica con una a carica piena in un tempo minore di quello che serve per riempire il serbatoio di una vettura alimentata con idrocarburi.

Con la dimostrazione pratica del cambio di una batteria esaurita su una berlina Modello S in appena 90 secondi, il capo della Tesla ha mostrato che per le vetture elettriche è possibile riprendere la strada più velocemente di una vettura che funziona con combustibile fossile tradizionale. Durante la dimostrazione, una vettura Modello S ha preso posizione sopra una fossa attrezzata e, mentre l'autista restava nella vettura, un dispositivo automatico ha provveduto a sganciare la batteria e a sostituirla con una a carica piena.

Due auto elettriche sono state equipaggiate con nuove batterie cariche nello stesso tempo impiegato da un dipendente Tesla a riempire un serbatoio di benzina.

Musk ha così commentato: "Penso sia per noi prioritario dare una risposta alle ragioni per le quali la gente non compera un'auto elettrica. La gente ha bisogno di sentire lo stesso livello di libertà che prova con un'auto a benzina. Se uno deve arrivare in fretta da qualche parte, deve avere la possibilità di farlo. Anzi, con l'auto elettrica può arrivarci anche prima."

Il servizio di scambio batteria verrà introdotto probabilmente già quest'anno in California, a Boston e a Washington in ogni stazione Supercharger. All'inizio, ogni stazione disporrà approssimativamente di 50 batterie.

Il video di presentazione è disponibile su YouTube. Tutto bene, dunque, per l'auto elettrica? Sì, bisogna però dare risposta ad alcune questioni che riguardano proprio il sistema di cambio batteria, apparentemente la soluzione più efficiente in grado di lanciare l'auto elettrica per tutti.

La prima questione riguarda il costo: una volta superato il problema dei tempi di rifornimento, il costo su strada dell'auto elettrica è comparabile con quello di un'auto ad alimentazione tradizionale?

La seconda riguarda proprio il sistema di ricarica: a fronte di una batteria nuova che lascio in stazione, chi mi garantisce che in cambio non mi viene rifilata una batteria che è sì carica, ma al termine del suo ciclo di vita?

In un successivo articolo verranno sviluppate alcune considerazioni su questi due temi così importanti per lo sviluppo della mobilità elettrica.