Attraverso un breve comunicato diffuso sul sito del GSE si rende noto che le risorse del Quinto conto energia (DM 5 luglio 2012) sono esaurite. "Il Contatore Fotovoltaico presente sul sito del Gestore dei servizi energetici ha raggiunto il valore di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi di 6 miliardi e 700 milioni di euro": questo è quanto afferma la nota pubblicata solo poche ore fa.

Le domande inoltrate all'ente, per beneficiare degli incentivi statali, sono state numerose: secondo i dati pubblicati sul sito ufficiale del Gse, sono giunte in sede 531.242 richieste, per una potenza complessiva pari a 18.217 MW.

Ma ora vediamo in breve che cos'è il Conto energia. Il Conto Energia, è il programma che incentiva in conto esercizio l'energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica. Questo sistema di incentivazione è stato introdotto in Italia nel 2005, con il Decreto Ministeriale del 28 luglio 2005 (Primo Conto Energia) ed è attualmente regolato dal Decreto Ministeriale del 05 luglio 2012 (Quinto Conto Energia). Possono beneficiare del Conto Energia le persone fisiche, le persone giuridiche, i soggetti pubblici, gli enti non commerciali e i condomini di unità abitative e/o di edifici.

Dal momento che le risorse economiche stanziate con il DM 5 luglio 2012 sono terminate, vi sono dei margini per il finanziamento di un nuovo Conto Energia? Al momento, non c'è ancora nulla di certo sull'eventuale realizzazione di un 6° Conto Energia, sebbene non siano mancati gli appelli di tanti addetti ai lavori. Ad ogni modo, alla scadenza del Quinto gli unici incentivi disponibili per l'installazione di impianti fotovoltaici saranno quelli concessi per le ristrutturazioni edilizie, e cioè le detrazioni fiscali (Ecobonus). Queste ultime almeno, grazie al decreto legge approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri, sono state prorogate dal 1°luglio 2013 al 31 dicembre 2013.