In questi giorni è in corso la Giornata Mondiale del Vento. Il protagonista di questo evento è una risorsa fondamentale per il nostro pianeta, una risorsa rinnovabile, pulita e naturale: il vento. Si tratta di una risorsa molto importante per la salute dell'ambiente, oltre ad una straordinaria fonte di energia naturale.

E' proprio durante questa giornata che il GWEC, Global Wind Energy Council, ha fatto richiesta perchè gli incentivi e i finanziamenti che fino ad oggi sono stati dedicati ai combustibili fossili vengano trasferiti alle nuove energie rinnovabili. Il consiglio, riunitosi il 17 e 18 giugno 2013, sta cercando di mettere in evidenza il fatto che i combustibili fossili continuino a ricevere incentivi ben sei volte maggiori di quelli percepiti dalle fonti energetiche rinnovabili.

Lo sviluppo delle nuove tecnologie, così come la loro diffusione sempre maggiore, fa nascere l'esigenza di una maggiore tutela e salvaguardia verso questo settore. L'Europa in questo campo sta facendo passi da gigante, se pensiamo che un sondaggio di Eurobarometro ha dimostrato che l'89% dei cittadini europei è a favore di un incremento dell'energia eolica. Lo stesso studio effettuato negli Stati Uniti ha rivelato una percentuale del 71% di cittadini a favore di un aumento dell'energia del vento.

Micheal Liebreich, il Ceo di Bloomber New Energy Finance ha avuto modo di affermare che: "La percezione che i combustibili fossili siano economici e le rinnovabili costose è ormai superata". Oltre a questo, è ormai chiara a tutti la differenza tra una energia rinnovabile pulita, come quella del vento, confrontata con quella delle risorse fossili o nucleari.