Se si viene licenziati si avrà la possibilità di non pagare la bolletta luce e gas per un anno senza essere denunciati. Tutto questo deriva da "bolletta protetta", un'iniziativa dell'azienda Sorgenia, in collaborazione con il gruppo assicurativo MetLife e con la società di brokeraggio Aon, che prevede un rimborso delle spese se il cliente dovesse perdere il posto di lavoro o essere al momento in difficoltà economiche. Si tratta di una polizza assicurativa che è del tutto gratis e che ha una d durata di 12 mesi.

In un periodo di crisi economica come questa che stiamo vivendo, dove molte persone si sono trovate disoccupate e impossibilitate a far fronte alle spese di gestione della casa, questa è una buona notizia. La copertura però non è illimitata ma arriva fino a 1000 euro di rimborso per la parte residenziale e a 2000 per quella riguardante l'Iva.

Il direttore generale del gestore elettrico Sorgenia, Riccardo Bani, ha spiegato: "Ci auguriamo che nessuno debba mai far ricorso alla nostra polizza, ma se ce ne fosse bisogno noi saremo pronti ad aiutarlo, praticamente annullando la sua spesa per l'energia per un anno". Infatti con 1000 euro si coprirebbe anche il doppio del consumo elettrico di una famiglia media italiana.

Tutti i nuovi clienti della Sorgenia potranno dunque usufruire di questa iniziativa. In ogni offerta sarà inclusa la copertura assicurativa che prevede il rimborso per un anno della bollette di luce e gas, un aiuto sicuro per tutte quelle famiglie che potrebbero ritrovarsi da un giorno all'altro in serie difficoltà economiche. Sarebbe dunque un bel sollievo non doversi preoccupare di pagare le bollette in attesa di trovare un nuovo posto di lavoro.