Seconda Terna (Trasmissione elettrica rete nazionale), in Italia i consumi di energia elettrica nel mese di Febbraio sono calati dell'8,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno con una richiesta di 25,7 miliardi di kWh.

Tenendo conto delle variazioni di calendario e di temperatura media, la variazione della domanda di energia elettrica si attesta al -5,1% rispetto al Febbraio dello scorso anno; lo scorso anno abbiamo avuto un Febbraio con un giorno in più (il 2012 è stato un anno bisestile) ma la temperatura media mensile fu superiore di un grado centigrado.

La richiesta energetica di 25,7 miliardi di kWh per il mese di Febbraio 2013 è stata distribuita per il 46,7% al Nord, per il 29,4% al Centro e per il 23,9% al Sud; la variazione di domanda dell'energia si è articolata con un -7,2% al Nord, -7,9% al Centro e -10,0% al Sud.

A febbraio la richiesta energetica è stata soddisfatta per l'83,2% (21,6 miliardi di kWh) dalla produzione nazionale e per il restante (16,8%) dagli interscambi con l'estero; la produzione nazionale è calata del 14,7% rispetto al febbraio dello scorso anno, in crescita la produzione di energia da fonti rinnovabili come la produzione idrica (+43,0%), eolica (+19,1%) e fotovoltaica (+11,2%), in flessione le fonti termoelettrica (-23,9%) e geotermica (-4,6%). Nel complesso, tenendo conto dell'intero primo bimestre del 2013 la domanda di energia elettrica è risultata in flessione del 5% rispetto al primo bimestre dello scorso anno; a parità di calendario la flessione rimane tale ma si riduce a un -3,7%.