E' ufficiale: il Conto Termico, decreto che potrà dare un forte impulso all'efficienza energetica degli edifici e all'utilizzo delle fonti rinnovabili termiche, anche nelle pubbliche amministrazioni, è partito!.

Ad esso si affiancano la detrazione fiscale del 55% e altre azioni di incentivazione regionali. Tra le tecnologie contemplate, lapompa di calore ad assorbimento a metano ed energie rinnovabili è riconosciuta e finanziata dalla Commissione Europea come una delle tecnologie più promettenti per il riscaldamento.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 1 del 2.1.2013) del Decreto 28 dicembre 2012 (denominato "Conto termico") si è dato il via all'attuazione al regime di sostegno previsto dal D.Lgs n. 28/2011 per l'incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l'incremento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Tra gli interventi incentivabili sono previsti quelli di sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore. Il nuovo decreto prevede incentivi anche per le spese di diagnosi energetica e di Certificazione Energetica se relative agli interventi incentivabili di cui sopra. L'incentivo viene calcolato, nel caso di installazione di pompe di calore, in base alla quantità di energia rinnovabile producibile dalle pompe di calore, in base ad alcuni criteri e parametri di valutazione.L'incentivo previsto dal decreto sarà erogato al beneficiario dell'intervento in rate annuali per una durata di 2 oppure di 5 anni, in funzione della potenza termica nominale delle pompe di calore installate.