Dopo i rimborsi dell'acqua relativi al 2011, imposti in automatico, presto i cittadini potrebbero vedersi restituite in bolletta anche le maggiori somme pagate sulle forniture di luce e gas. Quello attuale non è di certo un buon momento per le imprese operanti nel settore dell'energia.

Dopo la liberalizzazione del mercato, infatti, negli ultimi anni non sono mancate le scorrettezze commerciali e le tecniche di vendita poco trasparenti con il porta a porta, ma ora si aprono nuovi scenari sulla cosiddetta "Robin Tax", un'imposta sugli extra profitti che le imprese avrebbero "scaricato" sulle bollette pagate dalle famiglie.

Rispetto ai rimborsi automatici sulle bollette dell'acqua, quelli per luce e gas si presentano però decisamente più difficili da ottenere visto che, per il momento, l'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas si è limitata ad inviare in merito una segnalazione al Parlamento.

Di conseguenza, se è proprio vero il fatto che la Robin tax sotto sotto non la pagano le imprese energetiche, ma le famiglie che devono accollarsi degli extra costi in bolletta, l'Associazione Altroconsumo ha lanciato online, attraverso il proprio sito Internet, una petizione per il rimborso delle maggiori somme pagate. Perché l'unione, come sempre, fa la forza!