Le bollette di energia sono una delle maggiori spese annue che gravano sul bilancio familiare. Per risparmiare si possono mettere in atto dei piccoli accorgimenti quotidiani: spegnere le luci quando non servono, non lasciare gli apparecchi in stand by, utilizzare gli elettrodomestici a pieno carico. Sono tutte mosse utili per tagliare i costi fino al 10%, ma a volte razionalizzare i consumi non basta.

Una strategia efficace per ridurre le spese è la ricerca della migliore tariffa di energia elettrica, approfittando delle offerte disponibili sul mercato libero. Cambiare operatore di energia consente di risparmiare fino al 30% rispetto ai livelli medi di una famiglia, ed è un'operazione gratuita che non richiede alcuna modifica al proprio contatore.

Ad esempio, una famiglia residente a Milano che utilizzi l'energia senza distinzione di fascia oraria, per un totale annuo di 2700 kWh consumati, avrebbe almeno tre opportunità per spendere meno.

La nostra famiglia tipo potrebbe sottoscrivere la tariffa e-light di Enel Energia. Si tratta di una fornitura monoraria, ovvero con un unico prezzo indipendentemente dall'orario in cui si concentrano i consumi. Il costo complessivo per un anno di contratto ammonta a 472,8 euro.

Un'altra opzione è rappresentata da Luce Sconto Facile di Edison. Anche questa è una tariffa monoraria, per la quale la famiglia spenderebbe 486,2 euro in 12 mesi di fornitura. Infine, Agsm propone la tariffa Chiara, al costo annuo di 499,4 euro.