Come spesso è capitato negli ultimi anni, il nuovo anno inizia all'insegna di nuove variazioni per quanto concerne le nostre bollette domestiche. Il gas dovrebbe salire di quasi il 2% rappresentando un incremento annuo di circa 23 euro, mentre la luce dovrebbe calare di circa 8 euro. Il calo del costo dell'energia elettrica lo si deve sostanzialmente alla maggior concorrenza del mercato all'ingrosso che era già iniziata ad ottobre del 2012.

Nel gas hanno pesato gli adeguamenti delle tariffe dei costi di distribuzione e gli oneri generali che hanno riguardato anche la luce. Gli incrementi delle tariffe dei costi di distribuzione e gli oneri generali hanno superato abbondantemente il calo comunque registrato sulla materia prima del gas. Per quanto riguarda l'acqua è partita una, sia pur timida, liberalizzazione che consentirebbe in futuro di far calare il costo della distribuzione. Saranno anche molto più chiari i documenti di fatturazione che dovrebbero permettere una maggiore verificabilità dei consumi effettivamente effettuati.

L'autorità per l'energia ha rivisto al rialzo le nuove agevolazioni per quanto riguarda le famiglie meno abbienti che dovrebbero entrare in vigore già nel primo trimestre del nuovo anno. I bonus per la elettricità riservati alle categorie più bisognose saranno intorno al 20%.