La nuova stazione alta velocità di Torino Porta Susa ha ricevuto un premio da parte dell'Associazione Eurosolar per la copertura del corpo stazione, realizzata con un sistema fotovoltaico che consente di recuperare buona parte del fabbisogno elettrico dell'intero terminal.

In una nota trasmessa dalle stesse Ferrovie dello Stato si afferma che la stazione di "Torino Porta Susa AV è uno dei fiori all'occhiello delle nuove stazioni Alta Velocità Italiane e rappresenta il nuovo approccio urbanistico scelto per integrare le aree ferroviarie nelle grandi città italiane: con questa stazione in particolare si è riusciti a ricucire il taglio urbano procurato storicamente dalla ferrovia e ad interpretare in modo innovativo il rapporto tra il sistema ferroviario e quello viario".

Il premio è promosso da Eurosolar, un'associazione no-profit che ha come obiettivo quello di incentivare le sperimentazioni nel campo dell'architettura ecologica, dell'urbanistica responsabile e della mobilità urbana ecosostenibile. Il premio è stato consegnato a Berlino all'architetto Silvio D'Ascia, autore con lo studio AREP e Agostino Magnaghi che hanno realizzato e curato il progetto che è riuscito ad aggiudicarsi il premio e vincere la gara internazionale di progettazione bandita da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane).