Ormai se ne parla sempre più spesso dell'importanza delle fonti di energia rinnovabili soprattutto perché rappresentano davvero una risorsa preziosa per il futuro del nostro pianeta. Ciò che però deve essere ancora perfezionato sono i mezzi attraverso cui sfruttarli, senza poi dimenticare i costi che purtroppo rappresentano una delle cause principali per cui molte persone non scelgono questa possibilità.

Un grande passo nel settore motoristico è stato fatto da Matt Bellue, programmatore e macchinista aerospaziale, e Ben Cooper, ingegnere e inventore, che sono riusciti a mettere a punto un motore che sfrutta l'energia solare a cui hanno dato il nome di: Hydroice Solar-Powered. Quello che rende importante la scoperta Bellue e Cooper è l'utilizzo di un sistema utilizzato normalmente per i motori a combustione classici ma riadattato per poter sfruttare l'energia solare e l'olio bollente; infatti, la sua temperatura viene mantenuta elevata proprio grazie al calore del Sole attraverso dei collettori.

In poche parole il motore riamane sostanzialmente quello tradizionale solo che invece di immettere gas/diesel, s'immette dell'olio bollente nel cilindro. Quindi invece che una scintilla, si aggiunge qualche goccia di acqua; una volta che questa entra in contatto con l'olio bollente, l'energia termica dell'olio viene trasmessa all'acqua che evapora istantaneamente. Quindi l'acqua passando dallo stato liquido a quello solido, ha la capacità di aumentare la potentissima estensione che fa muovere il motore.

Stando ai calcoli inoltre questo tipo di soluzione farebbe di risparmiare anche fino a 3.000 volte, inoltre il costo di questo motore è inferiore del 75% rispetto ai pannelli fotovoltaici, senza perdere però in efficienza che, anzi, viene incrementata del 15 %.