Le famiglie a basso reddito e quelle numerose possono ottenere il bonus sulla bolletta del gas. Questo però vale soltanto per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL) e solo per i consumi relativi all'abitazione di residenza.

Il bonus può essere richiesto da tutti i cittadini che usano gas naturale a hanno un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale che presentino un reddito non superiore a 7.500 euro annui e per le famiglie numerose cioè quelle con più di tre figli a carico che non superi i 20.000 euro. Il valore del bonus è stabilito annualmente dall'Autorità in modo da avere un risparmio del 15% circa sulla spesa annua della fornitura del gas.

Il valore del bonus è diverso a seconda delle tipologie di utilizzo del gas, a seconda del numero di soggetti che risiedono nella stessa abitazione e anche tenendo conto delle diverse zone climatiche.

Ad esempio, per l'anno 2012, il bonus va da un minimo di 35 euro ad un massimo di 220 euro per le famiglie con composte da meno di 4 persone, oppure da un minimo di 56 euro ad un massimo di 318 euro per quelle con più di 4 persone.

Il bonus viene erogato direttamente in bolletta sotto forma di deduzione, se l'impianto invece è centralizzato, verrà inviata una comunicazione in modo da ritirare il bonus presso gli sportelli delle Poste Italiane.

Il bonus ha una validità di 12 mesi entro 1 mese dalla scadenza se il cittadino sia ancora in possesso dei requisiti necessari per poter usufruire del bonus dovrà rinnovare la richiesta, presentando il modello ISEE.

Per inoltrare la domanda è necessario compilare gli appositi moduli e consegnarli al proprio Comune di residenza. I moduli sono facilmente reperibili sia presso i Comuni, sia sui siti internet dell'Autorità per l'energia o del Ministero dello Sviluppo Economico.