L'installazione delle valvole termostatiche mira a contenere il consumo di energia, a ridurre quindi l'inquinamento, e nel contempo punta a sfruttare al meglio il calore prodotto. Il dispositivo deve essere applicato ad ogni termosifone per regolare la temperatura di ogni stanza dell'appartamento o dell'ufficio.

Le valvole termostatiche

Questi dispositivi sono impiegati in differenti ambiti: per circuiti a freddo, per impianti di riscaldamento, persino nei chiudiporta. Installati ad un calorifero (sostituendoli alle valvole manuali) regolano l'afflusso di acqua secondo la temperatura desiderata. Un esempio: vogliamo nella stanza degli ospiti una temperatura più bassa rispetto alle stanze che abitualmente viviamo. Impostiamo la temperatura scelta, la valvola si chiuderà leggermente impedendo il regolare flusso dell'acqua cosicché l'acqua calda sarà convogliata verso gli altri radiatori dell'appartamento, portandovi maggiore calore. Questo semplice sistema permette di personalizzare il proprio riscaldamento in base alle necessità personali.

Le valvole termostatiche sono costituite da un codolo in gomma, ossia il collegamento al termosifone, un elemento idraulico, la valvola vera e propria, con una scala di regolazione mediante la quale impostare la temperatura scelta (quelle più sofisticate hanno in aggiunta un dispositivo per la regolazione a distanza, sono perciò più costose), e una sonda che misura la temperatura.

Il consiglio di non coprire i radiatori con tende e mobili rimane sempre valido. E per ridurre ulteriormente la dispersione di calore, è utile disporre una lastra di materiale isolante e riflettente dietro al calorifero, direttamente sulla parete dove è agganciato. Spesso è proprio la parete che ospita il termosifone ad essere più sottile, come quando il radiatore è disposto sotto la finestra.