Si parla di circa 16 milioni per la regione Toscana e di 20 milioni di euro per il Piemonte. Sono questi i finanziamenti che verranno stanziati per le iniziative nell'ambito delle energie rinnovabili e del risparmio energetico.

In Toscana sono stati distinti due bandi: il primo, da 8,5 milioni di euro, è destinato a interventi di ristrutturazione nell'edilizia scolastica, sanitaria, impiantistica sportiva e cimiteriale, attraverso azioni che consentano di impiegare fonti energetiche rinnovabili e che orientino le scelte e le politiche in favore dell'eco-compatibilità degli edifici, allo scopo di razionalizzare e ridurre i consumi energetici.

Il secondo bando, da 8 milioni di euro, prende in considerazione la produzione di energia da fonti rinnovabili. I beneficiari potranno essere imprese piccole, medie e grandi, consorzi o società consortili, anche cooperative, enti locali, aziende sanitarie e altri enti che esercitino attività economica. In via prioritaria saranno allocati 3 milioni di euro a favore di interventi localizzati in aree di crisi industriale complessa di Prato e Massa Carrara. In queste aree le risorse potranno essere destinate a investimenti per centrali idroelettriche, impianti solari termici, fotovoltaici ed eolici, nonché centrali di produzione alimentate a biomasse e biogas, così come progetti con utilizzo dei fluidi geotermici a bassa entalpia e teleriscaldamento urbano.

I restanti 5 milioni andranno a favore di interventi per impianti solari fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative. La misura dell'aiuto va dal 60% del costo ammissibile per le grandi imprese, fino all'80% per quelle piccole; i progetti dovranno essere realizzati e completati, dal punto di vista tecnico-economico, entro il 31 dicembre 2014. La domanda di partecipazione va inoltrata esclusivamente on-line dal sito internet www.artea.toscana.it .

La regione Piemonte ha aumentato di 20 milioni gli incentivi green, toccando i 120 milioni di euro del proprio fondo di supporto dei progetti di investimento destinati a: consumi energetici, utilizzo di fonti di energia rinnovabile negli insediamenti produttivi e riduzione dell'inquinamento.

"L'intervento - ha spiegato Massimo Giordano, Assessore regionale allo Sviluppo economico - permetterà di finanziare quasi tutte le iniziative, consapevoli di quanto il tema del risparmio energetico sia di cruciale importanza in ottica di sviluppo sostenibile. Il nostro sistema produttivo si è dimostrato molto pronto a fare innovazione su questo tema, per cui è nostro compito mettere a disposizione nuove opportunità e strumenti sempre più efficaci".