Il Consiglio dei Ministri riunitosi il 12 settebre scorso, nell'ambito dei nuovi provvedimenti sulla crescita, si è detto fiducioso riguardo al raggiungimento dell'obiettivo per l'Italia del 30% di elettricita' da fonti rinnovabili in due anni, contro il 26-27% di oggi.

Il ministro dell'Ambiente Clini, intervenendo all'ambasciata britannica a Roma, insieme al ministro britannico dell'Energia e dei Cambiamenti climatici Greg Barker, aveva già preannunciato che: "Questa del tax credit è una delle riforme strutturali alle quali stiamo lavorando per rendere la fiscalità funzionale alla crescita e non solo al pareggio di bilancio". Infatti, all'articolo 15 della delega fiscale in discussione in Parlamento è stato introdotto il principio di spostare la fiscalità dal lavoro all'uso delle risorse.

Alla scorsa riunione, Clini ha sottolineato che la green economy italiana ''Sta crescendo nonostante la rimodulazione degli incentivi. A regime gli aiuti saranno di 12 miliardi di euro l'anno per 20 anni. Tra il 2009 e il 2011 nelle rinnovabili in Italia si sono registrati oltre 120 mila nuovi posti di lavoro''. In generale, il Ministro ha ricordato che ''tutte le imprese italiane che lavorano nella green economy registrano risultati positivi soprattutto per l'export. Queste imprese sono la parte piu' vivace e piu' sana dell'economia italiana''. Clini ha però ribadito che il freno posto dal Patto di stabilità europeo ''determina vincoli molto importanti negli investimenti pubblici per le infrastrutture verdi. Ma le misure adottate per lo sviluppo hanno come obiettivo quello di muovere risorse verso l'efficienza''.

Allo stesso modo, il trend di crescita del settore ecologico britannico ha registrato crescite con un utile pari a circa 150 miliardi di euro in un mercato che, globalmente, vale oltre 4 mila miliardi di euro. Tutto ciò si traduce in nuovi investimenti e posti di lavoro: secondo le ultime stime governative, nel 2010-2011 circa 940 mila persone, nel Regno Unito, sono state impiegate da aziende operanti nel settore delle rinnovabili.