Nuovi aumenti del costo del gas a partire dal primo ottobre. Per pagare le bollette, il prossimo inverno serviranno quasi 1300 euro a famiglia. La denuncia arriva da Federconsumatori, che punta il dito contro speculazioni e carico fiscale.

Il rincaro annuo dovrebbe ammontare ad almeno 5 euro, come conseguenza dell'adeguamento dei pedaggi per i distributori. Ecco perché l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (Aeeg) ritoccherà all'insù le tariffe, in occasione del consueto aggiornamento trimestrale. Tra le cause dell'aumento spicca anche la maggiore pressione fiscale, con l'Iva che è cresciuta del 39% in tre anni.

"Si tratta di una vera e propria emergenza nazionale: il caro bolletta, unito alla forte contrazione del potere di acquisto, sta determinando un forte aumento (pari al 10%) del numero delle utenze morose o che pagano in ritardo", sostiene Federconsumatori.

Le associazioni dei consumatori chiedono quindi che siano rivisti i criteri per la concessione del bonus gas (peraltro, rivelano le stime, sottoutilizzato) e la possibilità per le famiglie più in difficoltà di rateizzare il pagamento delle bollette. Le associazioni auspicano inoltre la riduzione del carico fiscale sulle bollette, l'abolizione del sistema che definisce i prezzi del gas in relazione a quelli del petrolio e il varo di una politica seria in materia di rigassificatori e miglioramento della rete distributiva.