L'Autorità Energia ha approvato una nuova delibera che modifica la regolamentazione riguardo la compensazione della spesa per la fornitura di energia elettrica a favore di cittadini in gravi condizioni di salute, che usano apparecchiature medico-terapeutiche per il mantenimento in vita.

Dal prossimo mese di gennaio (2013), l'importo del bonus elettrico per disagio fisico sarà direttamente proporzionale al livello dei consumi e al numero delle apparecchiature di supporto vitale. Inoltre, la delibera introduce anche la possibilità di ottenere il riconoscimento retroattivo del nuovo meccanismo.

La delibera (in applicazione del decreto del Ministero della Salute 13 gennaio 2011 che individua le apparecchiature medico - terapeutiche, alimentate ad energia elettrica e necessarie per l'esistenza in vita di persone in gravi condizioni di salute) risponde all'esigenza di modificare e aggiornare il bonus per disagio fisico legato al consumo di elettricità da parte di apparecchiature elettromedicali. Sono previste tre fasce di intensità dei consumi: fino a 8 ore al giorno, da 8 a 16 ore al giorno e oltre 16 ore al giorno. Inoltre, la delibera conta anche tre fasce di extra-consumo: fino a 500 kWh/anno, fra 500 e 1200 kWh/anno e oltre 1200 kWh/anno.