Gli aumenti del prezzo dell'energia si fanno sentire anche sulle bollette delle aziende dove l'utilizzo di computer e dispositivi elettronici è un aspetto imprescindibile della quotidianità lavorativa. Come può un'azienda risparmiare sulla bolletta luce?

La risposta questa volta non arriva dal settore energetico, bensì da quello della tecnologia informatica. Una soluzione per il risparmio energetico aziendale, infatti, sembra essere l'utilizzo del "cloud computing", cioè il sistema di uso dei computer con applicazioni, documenti, fogli di calcolo ed email in remoto. Questa nuova frontiera delle tecnologie informatiche, dunque, potrebbe essere fonte di risparmio non solo energetico, ma anche economico. Secondo i dati diffusi da Google, un'azienda, grazie al "cloud computing" potrebbe avere un risparmio compreso dal 65% all'85% sulla bolletta dell'energia elettrica.

Lo studio che dimostrerebbe questi dati è stato del "Carbon disclosure project "ed i calcoli sono stati proiettati anche su scala nazionale. Dalla ricerca è emerso che le aziende americane potrebbero risparmiare 12,3 miliardi di dollari e fino a 85,7 milioni di tonnellate di CO2 all'anno. Le aziende inglesi potrebbero risparmiare 1,2 miliardi di sterline e 9,2 milioni di tonnellate di CO2 e quelle francesi circa 700 milioni di euro e 1,2 milioni di tonnellate di CO2.

A confermare queste ipotesi c'è il caso della società americana General Services Administration che, con i suoi 17.000 utenti su Google Apps, ha ridotto di circa il 90% il consumo energetico dei server e dell'85% le emissioni di carbonio, con un risparmio sulla bolletta dell'energia elettrica di 285.000 dollari.